Con le emissioni di diossido di azoto abbiamo superato «letteralmente» il limite

di Redazione

Anche il diossido di azoto contribuisce al riscaldamento globale e le sue emissioni superano i limiti negli Stati dell’Unione europea causando il doppio delle morti premature rispetto a un anno fa

Se in generale il riscaldamento globale causato dalle nostre emissioni di gas serra nell’atmosfera è un problema che riguarda tutti, è anche vero che vivere in zone urbane accentua il disagio, influendo sulla nostra salute. L’Oms aveva già lanciato l’allarme, prima ancora che Greta Thunberg fosse conosciuta in tutto il mondo per aver inserito il fenomeno tra le principali minacce contro l’umanità.

Come riportato in un recente articolo dell’Esa (Agenzia spaziale europea), sono circa otto milioni le morti premature attribuibili all'inquinamento atmosferico, parliamo di stime numeriche che risultano il doppio più alte rispetto a quelle precedenti. Ma tra le emissioni alla base del problema non ci sono solo quelle di anidride carbonica (CO2), sono preoccupanti anche quelle di diossido di azoto, dovute al trasporto stradale, all’attività industriale e alla combustione residenziale.

Livelli al di sopra dei limiti

Questo è quanto viene riportato anche nell’ultimo rapporto del 2018 dell’Agenzia europea per l’ambiente (Aea), riguardante 19 Stati membri trovati con concentrazioni di biossido di azoto a livelli al di sopra di quelli limite. Questi dati sono possibili anche grazie all’attività di monitoraggio del satellite dell’Esa Copernicus Sentinel-5P, lanciato nel 2017. Ma il monitoraggio del nostro pianeta è possibile anche coinvolgendo tutti i suoi abitanti.

Attraverso il progetto Living planter Symposium dello School Lab è possibile infatti pubblicare una mappa interattiva delle emissioni. La terza edizione si è sppena conclusa a Milano. L’Esa ha così permesso in diverse scuole lombarde di coinvolgere i ragazzi nell’assemblaggio e nella gestione di diverse stazioni di monitoraggio atmosferico, in grado di inviare i dati raccolti tramite WiFi.