Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Monterotondo, nei verbali della madre di Deborah la storia di anni di violenze

«Ci ha sempre considerato come sua proprietà. E bastava niente perché alzasse le mani. Ma Lorenzo non era cattivo». Tra dichiarazioni e indagini comincia ad affiorare la storia di Lorenzo Sciacquatori

In chiesa non erano presenti. Né Deborah, né Antonia. A consigliarlo è stato il loro avvocato, Sara Proietti: «Le ho convinte io a non andare per proteggersi da questa attenzione». Il 23 maggio a Monterotondo c’era il funerale di Lorenzo Sciacquatori, 41enne che domenica 10 maggio è stato ucciso dalla figlia Deborah dopo che avrebbe cercato di aggredire lei e la madre Antonia. Ora Deborah è stata rilasciata, il pm ha riconosciuto che avrebbe «agito per difendersi».


La storia dei membri di quella famiglia e di come hanno vissuto ora comincia a prendere forma. A raccontarla è il verbale rilasciato alla procura di Tivoli dalla madre Antonia Carassi. Una donna che lavora fino a dieci ore al giorno. Sette euro all’ora per fare le pulizie nelle case degli altri. Anche la figlia, 19 anni, lavora, oltre che studiare. Fa la barista per qualche pomeriggio a settimana.


Le testimonianze della madre di Deborah alla procura

Le parole di Antonia Carassi descrivono Lorenzo Sciacquatori come un uomo violento, un padrone: «Ci ha sempre considerato come sua proprietà e quando viene qualcuno a trovarci, suoi amici o parenti, lo faceva notare. “Prendimi le sigarette, vai a cucinare, stai zitta”, mi diceva. E bastava niente perché alzasse le mani. Ma Lorenzo non era cattivo».

I maltrattamenti sarebbero inziati anni fa, almeno 20. «Sì, aveva un animo buono, ma era vittima di alcol e droga. Io volevo salvarlo, pensavo di potercela fare. I primi pugni nella schiena, mentre allattavo, ancora me li ricordo».

La prima denuncia, poi il carcere e la riabilitazione

A settembre del 2014 Antonia decide di denunciare tutto ai carabinieri. L’uomo viene arrestato, anche a causa di alcuni precedenti per rissa, rapina e resistenza. Finisce in carcere, dove resta fino a marzo 2015. Un’esperienza con non avrebbe cambiato molto la situazione: «Pretendeva di avere rapporti, io accettavo per paura delle sue reazioni. Dicevo, meglio a me che a Deborah».

Leggi anche: