L’editto bulgaro al contrario. Salvini: «Più Lerner parla, più la Lega guadagna voti»

Gad Lerner aveva giù risposto a un attacco di Salvini che però ora ha rincarato la dose con una contro-replica

«Io vorrei Gad Lerner in onda 365 giorni all’anno insieme a Fabio Fazio, perché più parlano più la gente vota Lega». Queste le parole di Matteo Salvini a margine della conferenza stampa al Senato in merito alla querelle con Gad Lerner. 


«Mandiamoli a reti unificate: Lerner, Fazio, Saviano e Santoro, dalle sette della mattina a mezzanotte e la Lega arriva al 52%», dice il vicepremier leghista che, incalzato dai giornalisti, poi spiega: «Ho solo chiesto quanto costa. Posso? È una televisione pubblica, è pagata da tutti. E ho solo detto che me lo ricordo quando avevo i calzoncini corti a fare i programmi contro la Lega. Ma va bene».

«Io penso che gli italiani che hanno votato il governo del cambiamento, pensando a una Rai del cambiamento, pensino a qualche giovane. Mi aspettavo qualcosa di più innovativo, mettiamola così», chiosa Salvini. 

Lo scontro tra Gad Lerner e Salvini: le puntate precedenti

Dopo lo scontro con Fabio Fazio, il ministro dell’Interno era tornato ad attaccare i conduttori della Rai. Gad Lerner è finito sotto l’accusa di Salvini durante una diretta Facebook in cui il vicepremier ha ricordato in tono ironico che il giornalista «non ha ha mai espresso simpatie politiche per nessuno, che non odia la Lega, che non è di sinistra, che è un giornalista obiettivo, equilibrato, super partes».

Alla presentazione del progetto Noi partigiani dell’Anpi è arrivata la risposta di Gad Lerner che senza citare direttamente Salvini ha detto: «Mi limito a ricordare che per ora grazie al cielo la Rai è di tutti e non solo di coloro che la pensano come la persona che si è lamentata ieri».

In particolare Salvini, parlando del ritorno in Rai di Gad Lerner ha ironizzato: «Se questo è il cambiamento… Non ho niente contro di lui ma manca solo Santoro, e con Fazio, Saviano e Lerner, abbiamo chiuso il cerchio. E poi dicono che siamo noi a controllare…».

Nel suo intervento su Facebook, Salvini ha poi annunciato, ancora una volta, di voler mettere un tetto agli stipendi dei conduttori Rai e sul saggista ha fatto sapere di «essere pronto a sapere quanto cosa, quanto prenderà e qual è il giro di business che ruota attorno al suo approdo in Rai».

Leggi anche