Meryl Streep compie 70 anni: un omaggio alla regina del cinema

Da Kramer contro Kramer a Mamma Mia, auguri a una delle icone più apprezzate del cinema

È una delle icone più amate del cinema. Attrice poliedrica, un genio della settima arte dotata di una bravura fuori dal comune, un talento che nei suoi oltre 40 anni di carriera l’ha portata a vestire i panni più diversi. È Meryl Streep, e oggi compie 70 anni. Dalla commedia, al musical, al dramma, Meryl Streep è una di quelle attrici capaci di far emozionare chiunque, di far ridere, di far piangere, di far riflettere. Mai scontata, mai banale.

Una storia d’amore con il grande schermo che nasce negli anni ’70. «Non sei abbastanza bella» si era sentita dire Meryl Streep nel 1976 da Dino De Laurentiis al provino del film King Kong. Un «no» che le ha regalato la parte nel film di Michael Cimino lI Cacciatore al fianco di Robert De Niro, trampolino di lancio per una carriera che le è valsa tre Oscar e 21 nomination, oltre che 31 ai Golden Globes. Un record assoluto nella storia del cinema. Mai sopra le righe fuori dallo schermo, con un’attenzione all’altro e al linguaggio, sempre posato e moderato.

Nei suoi oltre 40 anni di carriera e circa 60 film realizzati la signora del New Jersey ne ha vinte di sfide, dentro e fuori dallo schermo. C’è persino chi ha osato definirla sopravvalutata, come il presidente americano Donald Trump che, in risposta alle critiche fatte dall’attrice sul palco dei Golden Globes al presidente americano per aver bullizzato un giornalista in carrozzina, nel 2017, aveva con un Tweet risposto alla Streep.

Per festeggiare i suoi 70 anni abbiamo voluto ricordarla con una carrellata di alcune tra le sue interpretazioni migliori.

Mamma Mia! (2008)

«With a bit of rock music, everything is fine, you’re in the mood for a dance. And when you get the chance you are the dancing queen»

Come se ce ne fosse stato bisogno, nel 2008 Meryl Streep ha voluto dimostrare di sapere anche ballare e cantare. Accompagnata da un cast stellare con Pierce Brosnan, Colin Firth, Stellan Skarsgård, Julie Walters e Christine Baranski, con la sua performance di Donna Sheridan, Streep si è incoronata la Dancing Queen del cinema.

Il Diavolo veste Prada (2006)

«Non hai nessuna idea dello stile, del senso della moda»

Capelli platinati e sguardo glaciale. La perfidia non è mai stata così glamour. Meryl Streep nei panni dell’intransigente Miranda Priestly buca lo schermo regalando al film un successo planetario, grazie a un’interpretazione maniacale, preparata nei minimi dettagli. Un affresco della direttrice di Runway che solo Streep avrebbe potuto interpretare ai limiti della perfezione.

The Iron Lady (2011)

«Con tutto il rispetto generale io ho dovuto combattere ogni santo giorno della mia vita»

Con il film sulla signora di ferro della politica inglese, l’ex primo ministro Margaret Thatcher, Meryl Streep si è aggiudicata il suo terzo Oscar, dopo quelli per Kramer contro Kramer e la Scelta di Sophie (1982). Una parte dove Streep ha mostrato tutta la fragilità e la durezza di una donna dalle mille sfaccettature e uno dei politici più influenti della storia britannica.

Kramer contro Kramer (1979)

«Se tutto ciò verrà distrutto, potrebbe essere irreparabile. Johanna, non glielo fare… non farglielo per la seconda volta».

Nella pellicola di Richard Benton si infrange il sogno americano della famiglia ideale. Una giovanissima Meryl Streep interpreta Johanna Kramer in un dramma familiare al fianco di Dustin Hoffman dove i coniugi Kramer combattono in tribunale per la custodia del figlio. Con questo film Meryl Streep si aggiudica la sua prima statuetta agli Oscar.

Leggi anche: