Cinesi scatenati: ingaggio da 10 milioni all’anno per Niang. Mbappè? Vale 250 milioni

L’ex attaccante del Milan è nel mirino di un ricco club asiatico. Il Psg fissa il prezzo del suo fuoriclasse. Montagne di soldi, ma in Spagna…

Cos’hanno in comune Kylian Mbappé e M’Baye Niang? Poco, se non le origini francesi, in parte il ruolo. E, in pochi potevano pensarlo, una pioggia di soldi addosso o in arrivo.

Ansa / Mbaye Niang in azione con la maglia del Rennes

L’ex attaccante di Milan, Genoa e Torino è stato riscattato dal Rennes, Ligue 1 francese, dopo averci giocato una stagione in prestito. 11 gol segnati, quanto basta per attirare le attenzioni di un non meglio specificato club cinese che ha recapitato una offerta da sogno: 10 milioni di euro a stagione per cinque anni, bonus compresi.

Al Rennes un’offerta da 25 milioni. 25, come gli anni di Niang, che nei prossimi giorni incontrerà il suo agente e un emissario del club cinese per scegliere quale strada prendere: i soldi a volontà o un ultimo tentativo di fare il famoso salto di qualità.

Mbappe frantuma ogni record, vale 250 milioni di euro

Ansa / Kylian Mbappè con la maglia della Nazionale francese

Niang ragiona su un quinquennale da 50 milioni. Sembrano monetine rispetto alle cifre accostate a Kylian Mbappè, il campione del mondo del Psg che, secondo l’Equipe, pur non avendo una clausola rescissoria, ha un prezzo ben preciso. E fa paura: 250 milioni di euro. Più di quanto (222 milioni) il suo club ha sborsato due anni fa al Barcellona per violare la clausola rescissoria di Neymar.

L’annuncio sui social: “Venite, vi paghiamo l’alloggio”

Gli eccessi del calcio. Verso l’alto e verso il basso. In Spagna sta facendo parlare, nel peggiore dei casi gridare allo scandalo, il messaggio postato sui social dal Lorca, società di tercera division (la nostra serie D) che, alle prese con problemi economici, ha annunciato una selezione di calciatori tutta particolare…

Il concetto: vi paghiamo tutto. Divise, strutture, ma soldi non ce ne sono. Il presidente del club, Torres, ha fatto sapere che la decisione è stata assunta per rientrare da un debito di 600mila euro. Il Lorca era stato escluso l’anno scorso dalla Segunda Division B (la serie C italiana) per motivi economici e a vantaggio dell’Ibiza di Marco Borriello.

La crisi si è acuita. Ora chi vorrà giocare, gratis, potrà partecipare alle selezioni previste per i prossimi venerdì e sabato. Proprio i giorni in cui Niang dovrebbe rispondere ai cinesi e decidere se accettare, o meno, dieci milioni di euro a stagione.

Immagine di copertina / Vincenzo Monaco

Leggi anche: