Due attentati kamikaze a Tunisi: feriti e un morto. Site: «Attacco rivendicato dall’Isis»

Il bilancio è di almeno 8 feriti. Un kamikaze si è fatto esplodere vicino all’ambasciata francese, mentre un altro ha colpito la caserma al-Qarjani

Nella capitale tunisina è scattata l’allerta dopo i due attentati che hanno colpito il centro di Tunisi. Il tribunale di primo grado a Bab Bnet è stato evacuato su ordine del procuratore della Repubblica della capitale tunisina, come pure sono stati evacuati avvocati e visitatori dal carcere di Mornaguia.

Secondo Site, il doppio attentato è stato rivendicato dall’Isis. Secondo Rita Katz, che dirige il sito di monitoraggio delle attività jihadiste sul web, negli ultimi due mesi le cellule dell’Isis in Tunisia hanno riferito di diversi propri combattenti rimasti uccisi, ma senza fornire ulteriori dettagli sulle loro attività.

Le esplosioni

Un kamikaze, forse una donna, si sarebbe fatto esplodere vicino all’ambasciata francese, a Porte de France. Fonti locali parlano di “un attacco terroristico”. Secondo il ministero dell’Interno ci sarebbero quattro feriti e una vittima.

La seconda esplosione sarebbe avvenuta nella caserma al-Qarjani dove un altro individuo, non ancora identificato, si sarebbe fatto esplodere.

Per quanto riguarda il primo attentato, secondo i media locali, il kamikaze – che potrebbe essere una donna secondo il Corriere della Sera – si sarebbe avvicinato a un’auto delle forze di sicurezza ferma nei pressi dell’ambasciata francese. L’attentatore è morto nell’esplosione. Nella seconda esplosione invece secondo al-Jazeera sarebbero rimasti feriti quattro agenti di polizia.

Intanto da Tunisi arriva anche la notizia che il presidente Beji Caid Essebsi è stato portato immediatamente in ospedale a causa di un malore.

Foto copertina Twitter @Aladdin Dhari

Leggi anche: