Arrestato lo stalker di Giorgia Meloni, la perseguitava sui social

L’uomo era stato fermato due volte dalle forze dell’ordine alla stazione Termini: voleva raggiungere l’abitazione romana della leader di Fratelli d’Italia

È stato arrestato dalla polizia a Trentola Duecenta, in provincia di Caserta, un uomo che è accusato di aver perseguitato con continui messaggi sui social network la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. Il presunto stalker si trova ora agli arresti domiciliari. Il provvedimento è stato eseguito dalla Digos di Roma.

Le indagini della stessa Digos erano scattate in seguito a numerosi messaggi, di natura minatoria e diffamatoria, inviati sul profilo social della leader di Fratelli d’Italia. L’autore dei messaggi oggetto d’indagine, era stato fermato dalle pattuglie del compartimento polizia ferroviaria e della Digos di Roma presso la stazione Termini, recentemente, in due diverse occasioni, dopo essere stato identificato dagli investigatori come l’autore delle minacce e degli insulti.

L’uomo, in quelle occasioni, avrebbe riferito ai poliziotti di essere arrivato in treno dalla Campania proprio per andare a cercare l’abitazione romana della leader di Fratelli d’Italia.

Per questo, oltre alla misura degli arresti domiciliari, lo “stalker” è stato sottoposto anche al provvedimento del questore di Roma del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno per anni 2 nella provincia di Roma.

Giorgia Meloni, interpellata dai giornalisti alla Camera, ha commentato: «Devo ringraziare le forze dell’ordine che si sono accorte prima di me di quello che accadeva. La cosa che mi ha preoccupata maggiormente in questa vicenda – ha voluto sottolineare – non è stata tanto quella di avere io uno stalker ma l’attenzione ossessiva di questa persona verso mia figlia».

La leader di Fratelli d’Italia ha poi aggiunto: «Questo mi ha fatto preoccupare ma devo dire che gli inquirenti sono stati bravissimi e tempestivi e quindi ovviamente a loro dico grazie per il lavoro che stanno facendo. Mi sento assolutamente più sicura e tranquilla nel sapere – conclude Meloni – di poter contare sul lavoro così attento dei nostri servitori dello Stato».

Parole di vicinanza da parte di Mara Carfagna, vicepresidente della Camera e coordinatrice di Forza Italia «Solidarietà e vicinanza a Giorgia Meloni e un abbraccio alla sua splendida bimba. L’arresto del suo stalker dimostra che le buone leggi italiane funzionano e che le nostre Forze dell’Ordine portano avanti un lavoro eccellente».

Il capogruppo di Fratelli d’Italia Francesco Lollobrigida ha ringraziato «inquirenti e le forze dell’ordine per aver arrestato in provincia di Caserta lo stalker di Giorgia Meloni. Finalmente finisce un incubo per il presidente di Fdi che purtroppo, a causa delle continue e sempre più gravi minacce, ha temuto anche per la propria bimba».

E conclude: «La speranza adesso è che questo squilibrato sia messo in condizione di non nuocere. A Giorgia e alla sua famiglia – conclude il capogruppo – giunga il nostro abbraccio e il nostro più completo sostegno».

Leggi anche: