Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Cercasi libraio per un atollo nelle Maldive: candidature entro il 1 settembre

Tra i requisiti, oltre a un ottimo inglese e l’abilità di coinvolgere clienti, c’è anche la conoscenza approfondita della letteratura ‘classica’ a moderna

Una vita in vacanza, lavorando. L’ annuncio paradisiaco per un lavoro in un resort di lusso è su un atollo dei ventisei che compongono la nazione delle Maldive, nell’Oceano indiano. Questa volta non è indirizzato a chi, tra gli appassionati di flora e di fauna, vorrebbe dedicarsi a proteggere il delicato ecosistema, ma a chi sogna di diventare un libraio, o già lo è. Il lavoro, dalla durata di sei mesi, consiste nel gestire una libreria nel resort a 5 stelle Soneva Fush sull’atollo Baa. Oltre a curare le letture degli ospiti dell’hotel di lusso, la persona selezionata dovrà anche scrivere un blog sulla sua attività e curare i canali social di Barefoot Bookseller.


Visualizza questo post su Instagram

🚨BIG ANNOUNCEMENT🚨- We’re officially accepting applications for the next barefoot bookseller! If you would like the opportunity to spend 6 months living in paradise running a small bookshop on an island in the Maldives at @discoversoneva, then here’s your chance… For exact details on how to apply and more information on the role follow the link in our bio. Please make sure you read terms and conditions before applying and good luck! ☀️🌊🌴📚 📸: @DanSu92 & Moritz Krebs #Travelblog #Dreamcometrue #Wanderlust #Maldives #Travel #Discoversoneva #UltimateLibrary


Un post condiviso da The Barefoot Bookseller (@barefootbookseller) in data:

Un libraio a piedi nudi dunque. Ma i requisiti sono diversi: il candidato di successo – le candidature vanno inviate entro il primo settembre 2019 – dovrà non solo aver avuto un’esperienza lavorativa in un’area attinente, ma dovrà mostrare di avere un’ottima padronanza dell’inglese. Ma anche una conoscenza approfondita della letteratura classica e moderna. Un annuncio che farà gola ai tanti laureati in lettere che purtroppo, di fronte a un mercato del lavoro che spesso non sa valorizzare le loro competenze, sono costretti a inventarsi altri mestieri, anche nel settore del turismo, come in questo caso.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: