Salvini contestato (anche) a Catania e Siracusa: interviene la polizia – Il video

All’uscita dal municipio alcuni manifestanti hanno lanciato bottigliette di plastica vuote contro la macchina del ministro dell’Interno

Il Beach Tour, la tournée estiva del ministro dell’Interno nel Sud Italia, non si arresta. Oggi, domenica 11 agosto, è il giorno di Catania e Siracusa, in Sicilia. Dove però Matteo Salvini non è stato accolto soltanto dai sostenitori, ma anche dai contestatori, come già accaduto a Soverato.

Momenti di tensione a Catania

In piazza Duomo, davanti a Palazzo degli Elefanti, si è riunito un centinaio di persone, schierate in due fazioni: pro e contro il ministro. I simpatizzanti della Lega hanno esposto uno striscione con la scritta Catania identitaria.

Il leader è stato, invece, accolto dai restanti con una dura contestazione al grido di «siamo tutti terroni», «venduto» e «traditore». Alcuni hanno intonato Bella ciao. Qualche manifestante ha lanciato anche alcune bottigliette di plastica vuote con l’auto del ministro dell’Interno all’uscita dal municipio di Catania. Immediato l’intervento della polizia.

Contestazioni a Siracusa

A Siracusa alcuni manifestanti anti-Salvini sono stati allontanati dalla polizia dal palco dove è atteso il ministro dell’Interno. Ragazzi per lo più giovanissimi. Nella città siciliana non si placano le contestazioni, i manifestanti continuano a urlare insulti al ministro dell’Interno e a sollevare cartelli con scritte come «Salvini fascista», «fuori da Siracusa».

CartellI di contestazione nei confronti del leader della Lega, il vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno Matteo Salvini, poco prima dell’inizio del suo comizio, Siracusa, 11 agosto 2019. Ansa/Luca Laviola

Anche qui la piazza si divide tra contestatori e sostenitori che urlano lo slogan: «Matteo, Matteo». I due gruppi sono a contatto e inveiscono uno contro l’altro.

In copertina: video della contestazione a Catania | Fonte: Twitter

Leggi anche: