Bolzano, blitz di CasaPound contro i cartelli di protesta degli Schützen: «Siete cittadini romani da 2034 anni»

Il movimento di estrema destra ha risposto alla provocazione del gruppo altoatesino sulla questione della toponomastica

La provocazione degli Schützen altoatesini potrebbe sembrare una protesta folkloristica, ma così non è. L’associazione erede delle milizie dell’ex Contea del Tirolo (abolite in Italia dopo l’avvento del fascismo) – e organizzata in maniera paramilitare – ha messo in atto una protesta «contro l’ingiustizia iniziata nel 1922 e tuttora in atto». 

La protesta degli Schützen

Gli Schützen, nell’anniversario del compleanno di Ettore Tolomei (16 agosto 1865), autore del prontuario della toponomastica altoatesina, hanno coperto i nomi tedeschi su oltre 600 cartelli stradali bilingue con la scritta «Dna-Seit 97J, Deutch nicht amtlich» («Il nome tedesco non è ufficiale da 97 anni», ndr), per riaccendere i riflettori sull’irrisolta questione della toponomastica in Alto Adige.

Con l’avvento del fascismo, la nomenclatura toponomastica tedesca venne abolita, a favore di quella italiana. Dopo la caduta del regime mussoliniano, però, la nomenclatura tedesca venne ripristinata, dando luogo a un bilinguismo italo-tedesco che viene rigettato dagli Schützen.

La questione toponomastica

La reintroduzione della nomenclatura tedesca non è tutt’oggi riconosciuta dalla legge, malgrado un tentativo di abrogare la toponomastica italiana in luogo di quella tedesca, rigettato però dalla Corte Costituzionale. 

Il cartello che indica il comune di Salorno (Bolzano) dopo la protesta degli Schuetzen, 16 agosto 2019. Ansa / Schützen

«Non è giusto che per un eccesso di tolleranza verso un altro gruppo etnico e per la pacifica convivenza il gruppo linguistico tedesco debba accettare tutto. Per raggiungere questo obiettivo abbiamo bisogno di politici che abbiano il coraggio di prendere decisioni che non diano spazio a crimini culturali e a fascismo», ha dichiarato il comandante degli Schützen, Jürgen Wirth Anderlan. 

La protesta di CasaPound

In risposta alla mossa dell’associazione sudtirolese sono intervenuti i militanti di CasaPound che, in un blitz notturno, hanno affisso sulle mura di Bolzano alcuni striscioni recanti la scritta: «Pons Drusi 15ac – civis romanus sum». La frase è volta a ricordare i 2034 anni dalla fondazione di Pons Drusi, rimarcando così le origini romane della odierna città di Bolzano. 

L’intento del movimento di estrema destra è «quello di evidenziare come l’Alto Adige sia sempre sempre stata preziosa terra di confine e incontro tra popoli europei, che ne fa un tesoro culturale da preservare e valorizzare oltre ogni cieco sciovinismo». 

Leggi anche: