Renzi ammicca a Forza Italia? Sul Giornale rivaluta Berlusconi: «Tra lui e Salvini c’è un abisso»

«Tutti si aspettavano che, dopo un’estate in spiaggia tra mojito e cubiste, fosse lui ad alzare le terga dalla poltrona del Viminale: invece vi si è inchiodato», ha detto in un’intervista a Il Giornale

«Per dimettersi ci vuole dignità. E lui, purtroppo, non ne ha». Matteo Renzi torna, come spesso in questi giorni di crisi, a inveire contro Matteo Salvini. E, riesumando i giorni del Nazareno, cede alla sindrome dell’ “almeno Berlusconi”: «Di fronte alla sguaiata schizofrenia di Salvini, il Cavaliere è un rassicurante uomo delle istituzioni».

«Devo riconoscere che in quanto a rispetto delle istituzioni tra Berlusconi e Salvini c’è un abisso – dice in un’intervista a Il Giornale – Abbiamo sempre criticato Berlusconi su questi temi. Ma non avevamo ancora visto un Salvini che chiede pieni poteri, pretende la convocazione del Parlamento, attacca Paesi alleati, sottrae competenze a ministri o addirittura al Colle».

ANSA | Il murale con il bacio tra Silvio Berlusconi e Matteo Renzi realizzato da Tvboy

Nel mirino dell’ex premier c’è l’«onore» perduto di Salvini, che dopo aver fatto scoppiare la «crisi più pazza del mondo» non vuole saperne di dimettersi. «Ha sbagliato tutto, e chi sbaglia si dimette se è persona d’onore», dice. «Tutti si aspettavano che, dopo un’estate in spiaggia tra mojito e cubiste, fosse lui ad alzare le terga dalla poltrona del Viminale: invece vi si è inchiodato».

Secondo Renzi, la questione principale che tiene Salvini in Viminale sarebbero prima di tutto le inchieste che lo aspettano appena uscito dal Parlamento. Ma è anche la paura di far collassare la macchina della Lega «Salvini ha paura. Le strutture ministeriali sono piene di giovani della Lega,
a cominciare dal team della propaganda guidato da Morisi. Se Salvini si dimette, perdono all’istante il posto di lavoro. E la macchina della Lega
ha finito i soldi per pagarli».

E, tra una critica al lato leghista del governo e una strizzata d’occhio a Forza Italia, il senatore dem non dimentica il Movimento 5 Stelle. Riferendosi a un eventuale governo istituzionale, Renzi sottolinea: «Neppure Berlusconi ha subito dai Cinque Stelle il trattamento riservato a me, ma ci sono momenti in cui le questioni personali devono stare in secondo piano».

Leggi anche: