Anche Zingaretti partecipa alla gara delle giravolte: cosa diceva un mese fa sull’accordo col M5s – Il video

«Smentisco per l’ennesima volta l’ipotesi di governi Pd-5 Stelle come si sta teorizzando». Solo un mese fa, il segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti consegnava queste parole definitive ai cronisti. Un mese dopo, nell’attesa del discorso del presidente del Consiglio Giuseppe Conte oggi al Senato che dovrebbe ufficializzare e formalizzare la crisi di governo innescata dieci giorni fa da Matteo Salvini, lo scenario sembra completamente mutato.

E per quanto Zingaretti, con una nota dell’ufficio stampa, neghi ogni trattativa in corso, ripetendo come un mantra la raccomandazione di attendere il contenuto delle comunicazioni di Conte domani al Senato, prima di ogni decisione ufficiale sul da farsi – l’ipotesi di un accordo tra gli ex nemici, grillini e dem, è concretamente sul piatto.

Nel caso di crisi di governo, diceva allora, «la nostra posizione era è e rimarrà la stessa: ridare la parola agli italiani e avviarci a elezioni anticipate. Non esiste alcuna ipotesi di governo con i Cinque stelle né esiste, lo dico ufficialmente, confronto in queste ore su scenari di questo tipo. Sono tutte ipotesi totalmente prive di fondamento», assicurava il segretario dem.

Sullo stesso tema: