Lo sfogo di Richetti (Pd): «Il governo è già pronto, ci si stanno buttando tutti dentro» – Video

Durante la direzione del suo partito, aveva votato contro l’apertura dei Dem al M5S. Ora attacca: «Tutti dicono ‘non pensiamo alla poltrone ma al bene degli italiani’. Sono tutte ca…e»

Solo una settimana fa durante la direzione del suo partito, il Pd, il senatore Matteo Richetti aveva votato contro l’apertura dei Dem al Movimento 5 Stelle. Ora a pochi minuti dalla chiusura della votazione su Rousseau ribadisce la sua scelta (che nessuno dei colleghi aveva appoggiato): «Il governo è già pronto, ci si stanno buttando tutti dentro».

Richetti sostiene di non essere contro il dialogo con gli avversari politici, ma invoca una discontinuità con il governo Conte 1, che non vede nella costruzione della squadra di governo. La sua resta l’unica voce fuori dal coro (oltre a quella di Carlo Calenda che però ha annunciato l’uscita dal Pd) verso il governo Conte bis, dopo il via libera dato dai renziani.

E a pochi mesi dalle elezioni regionali in Emilia-Romagna, invita i colleghi di partito a non pensare ad alleanze locali in chiave anti-Lega con i pentastellati. «Io non le chiamo poltrone perché sono anche stanco di questa continua demonizzazione dei ruoli e sentire ‘non pensiamo alla poltrone ma al bene degli italiani’ sono tutte ca…e»: è lo sfogo del senatore Dem.

Leggi anche: