Silvio Berlusconi avverte i suoi: «Chi aiuta il governo è fuori»

In vista della manifestazione di protesta di Fratelli d’Italia davanti a Montecitorio, il leader di Forza Italia aggiunge: «Siamo nati per combattere la sinistra, ma in Parlamento e non in piazza»

«Siamo e saremo fermamente all’opposizione del governo giallo-rosso»: così Silvio Berlusconi ribadisce la linea del suo partito, in occasione della chiusura della scuola politica di Forza Italia in Puglia. Domani ci sarà il voto di fiducia alla Camera del governo Conte 2, e per questo il Cavaliere è stato ancora più esplicito con i suoi parlamentari. «Chi aiuta il governo è fuori. Forza Italia è nata per combattere la sinistra, ma in Parlamento e non in piazza» ha detto in un’intervista a Il Giornale.

Il riferimento è alla manifestazione indetta domani davanti a Montecitorio da Fratelli d’Italia per protestare contro la fiducia al nuovo governo Conte. Secondo Giorgia Meloni, non ci saranno bandiere di partito ma solo il Tricolore. Alla protesta dovrebbe partecipare anche la Lega (con Matteo Salvini). Mentre Forza Italia ha già annunciato che non ci sarà, a differenza di Giovanni Toti che all’inizio di agosto aveva lasciato il partito di Berlusconi.

«Domani saremo in piazza con Meloni e Salvini perché credo sia un buon segnale di unità della opposizioni. I cittadini hanno diritto di farsi vedere e far sentire la propria voce pacificamente, serenamente con ordine e compostezza», ha detto Toti, fondatore del movimento ‘Cambiamo’ e governatore della Liguria a margine del Forum Ambrosetti a Cernobbio.

Leggi anche: