Proteste a Hong Kong, scarcerato su cauzione il leader Joshua Wong

L’attivista ventiduenne pro-democrazia andrà in Germania e negli Stati Uniti

Joshua Wong, l’attivista pro-democrazia di Hong Kong, uno dei volti più noti delle manifestazioni che scuotono la città da giugno, è stato rilasciato su cauzione. Il ventiduenne era già stato tra i leader del movimento degli ombrelli nel 2014 ed è stato arrestato l’8 settembre per aver violato le condizioni della libertà vigilata a cui era stato sottoposto a fine agosto, dopo essere stato arrestato durante le manifestazioni.

Quando è stato fermato l’8 settembre Wong stava per iniziare un viaggio verso Germania e Stati Uniti. Dopo che la Eastern Court ha riconosciuto oggi che le violazioni erano legate alla documentazione inaccurata, l’attivista è stato scarcerato e ha dichiarato che intraprenderà il viaggio previsto, restando lontano da Hong Kong dal 9 al 23 settembre.

Intanto le manifestazioni a Hong Kong sono alla loro quattordicesima settimana. Per fermarle non è bastata la decisione della governatrice Carrie Lam di ritirare del tutto la legge che autorizzava l’estradizione di dissidenti in Cina, la causa scatenante delle proteste.

Leggi anche: