Riace, il sindaco sostenuto dalla Lega rimuove il cartello «Paese dell’accoglienza»

Il pannello dell’accoglienza è stato sostituito con un’insegna dedicati ai santi Cosma e Damiano, nel 350° anniversario dell’arrivo delle loro reliquie nel borgo

Il cartello che da quasi 20 anni campeggiava all’ingresso del comune di Riace, con la scritta «Paese dell’accoglienza», voluto da Mimmo Lucano, è stato sostituito. Al suo posto è stato istallato un pannello con scritto: «Riace, paese dei santi medici e martiri Cosma e Damiano», nel giorno della del 350° anniversario dell’arrivo delle reliquie dei santi nel paese. 

A deciderne la rimozione è stato il neo sindaco Antonio Trifoli, eletto a maggio con una lista civica sostenuta dalla Lega. Il sindaco, durante la cerimonia di istallazione dei nuovi pannelli d’accoglienza nel borgo, ha preannunciato: «A breve ce ne saranno altri al confine con i comuni di Camini e Stignano e verranno apposti altri cartelli turistici». 

Favorevole alla decisione del sindaco anche la parrocchia di Riace, guidata da padre Giovanni Coniglio, che si è detto felice «per la nuova stagione di collaborazione con l’amministrazione». 

E se l’amministrazione comunale sostiene che lo scambio di cartelli sia correlata alle celebrazioni religiose e non direttamente a un presunto smantellamento del “modello Riace”, il sindaco Trifoli ha annunciato che «le altre installazioni e i murales (che rimandano all’accoglienza del borgo di Riace, ndr) per ora restano, ma non escludo che in futuro possano essere eliminate. Sono abusive e pericolose».

Foto copertina: lacnews24.it

Sullo stesso tema: