Cosa si sono detti Trump e Zelensky – la trascrizione della telefonata

Che cosa si sono detti i due leader? Le parole del presidente americano e l’omologo ucraino durante la chiamata dello scorso 25 luglio

Dopo le rivelazioni del Wall Street Journal sulle presunte pressioni di Donald Trump sul presidente ucraino Volodymyr Zelensky affinché avviasse un’indagine sul figlio di Joe Biden, il capo della Casa Bianca ha diffuso il contenuto della conversazione telefonica avvenuta lo scorso 25 luglio. Ecco la trascrizione completa.

Trump: Congratulazioni per la grande vittoria. Abbiamo tutti assistito dagli Stati Uniti e ha fatto un ottimo lavoro. Il modo in cui è arrivato dal nulla, qualcuno a cui non veniva data un’opportunità, e alla fine ha vinto, facilmente. È un grande risultato. Congratulazioni.

Zelensky: Ha assolutamente ragione signor presidente. Abbiamo raggiunto una grande vittoria e abbiamo lavorato molto per questo. Abbiamo lavorato molto, ma vorrei confessarle che ho avuto modo di imparare da lei. Abbiamo usato alcune delle sue capacità e della sua conoscenza e siamo stati capaci di utilizzarle come dimostrano le nostre elezioni, e sì, è vero che queste sono state elezioni uniche. Eravamo in una situazione unica e siamo stati capaci di raggiungere un successo unico. E le dirò di più; la prima volta che mi ha chiamato per congratularsi avevo appena vinto le elezioni, e ora la seconda volta che sta chiamando lo fa quando il mio partito ha vinto le elezioni parlamentari. Penso che dovrei candidarmi più spesso così che lei mi possa chiamare e parlare più spesso.

Trump: È un’ottima idea. Penso che il suo Paese ne sarebbe molto felice.

Zelensky: Certamente. A dire la verità stiamo lavorando duramente perché vogliamo “cambiare il sistema” qui nel nostro Paese. Abbiamo portato dentro molte persone nuove. Non vecchi politici, non i soliti politici, perché vogliamo avere una nuova organizzazione, un nuovo tipo di governo. Lei è un grane maestro per noi.

Trump: È molto gentile da parte sua dirlo. Le dico che noi abbiamo fatto molto per l’Ucraina. Che ci siamo spesi molto, e per molto tempo. Molto più di quanto stanno facendo i Paesi europei, e di quanto dovrebbero fare. La Germania non ha fatto quasi niente per voi. Tutto quello che fanno è parlare e penso che è qualcosa su cui dovreste parlare con loro. Quando ho parlato con Angela Merkel ho scoperto che parla ucraino, ma non ha fatto niente. Molti dei Paesi europei agiscono nello stesso modo. Penso sia qualcosa che vuole considerare, ma gli Stati Uniti sono stati molto buoni con l’Ucraina. Non dico che necessariamente debba essere reciproco, stanno accadendo delle cose che non sono giuste, ma gli Stati Uniti sono stati molto, molto buoni con l’Ucraina.

Zelensky: Certo, ha perfettamente ragione. Non al 100%, ma al 1000% e posso dirle di più. Ho parlato con Angela Merkel e l’ho incontrata. Ho anche parlato e mi sono incontrato con Emmanuel Macron e ho detto loro che non stanno facendo quanto dovrebbero fare sulle sanzioni. Non stanno attuando le sanzioni. Non stanno lavorando duramente quanto dovrebbero per l’Ucraina. Si è visto come, logicamente, l’Ue dovrebbe essere il nostro più grande partner, ma tecnicamente gli Usa sono un partner molto più grande dell’Europa e le sono molto grato per quello che state facendo per l’Ucraina. Molto più dell’Ue per quanto riguarda le sanzioni alla Russia. Vorrei anche ringraziarla per il grande supporto nell’area della difesa. Siamo pronti a cooperare per i prossimi passi, più specificatamente siamo quasi pronti a comprare più missili Javelin dagli Stati Uniti per scopi difensivi.

Trump: Tuttavia, vorrei che ci facesse un favore perché il nostro Paese ne ha passate tante e l’Ucraina sa cosa significa. Vorrei che scoprisse cosa è successo in questa vicenda che riguarda l’Ucraina. Ci sono molte cose che sono accadute, l’intera situazione. Penso che si stia circondando con alcune delle stesse persone. Vorrei che il procuratore generale chiamasse lei e il vostro popolo e vorrei che andaste in fondo alla questione. Come ha visto ieri, tutta la questione senza senso è finita con una performance scadente di un uomo chiamato Robert Mueller, una performance incompetente, ma dicono che parte della vicenda è iniziata con l’Ucraina. Qualsiasi cosa lei possa fare, è molto importante che lo faccia, se possibile.

Zelensky: Sì, è molto importante ogni cosa che ha menzionato. Per me come presidente è molto importante e siamo aperti a ogni futura cooperazione. Siamo pronte ad aprire una nuova pagina di cooperazione, di relazioni tra gli Stati Uniti e l’Ucraina. Per quello scopo, ho appena richiamato il nostro ambasciatore dagli Stati Uniti e sarà sostituito da un ambasciatore competente e di esperienza che lavorerà nell’assicurare che le nostre nazioni si avvicinino. Vorrei anche, e spero di vederlo ottenere, la sua fiducia e di avere relazioni personali con lei così che possiamo cooperare ancora di più. Uno dei miei assistenti ha parlato di recente con Giuliani e speriamo che Giuliani possa viaggiare in Ucraina così da poterlo incontrare.

Vorrei rassicurarla ancora una volta che non ha che amici da parte nostra. Mi assicurerò di circondarmi con le migliori persone e quelle di maggiore esperienza. Volevo anche dirle che siamo amici. Siamo grandi amici e lei Presidente ha amici nel nostro Paese così che possiamo continuare la nostra partnership strategica. Ho anche in programma di circondarmi con grandi persone e per quanto riguarda l’indagine le garantisco, come presidente dell’Ucraina, che le indagini saranno fatte in maniera trasparente.

Trump: Bene, perché ho sentito che avevate un procuratore, e che era un ottimo procuratore ma è stato fatto tacere e questo è ingiusto. Molte persone stanno parlando di quello, di come hanno fatto tacere il vostro procuratore e di come ci siano state delle cattive persone coinvolte. Giuliani è un uomo altamente rispettato. Era il sindaco di New York, un grande sindaco, e vorrei che lui la chiamasse. Gli chiederò di chiamarla insieme al procuratore generale. Rudy sa perfettamente cosa sta succedendo è un uomo molto capace. Se potesse parlare con lui sarebbe grandioso. L’ex ambasciatore statunitense, donna, portava cattive notizie e le persone con cui era coinvolta in Ucraina erano cattive persone. Volevo che lei lo sapesse. L’altra cosa, c’è molto da parlare sul figlio di Biden, di come Biden ha fermato il processo e di come molte persone vogliano sapere cosa sia successo. Qualsiasi cosa lei possa fare con il procuratore sarebbe grandioso. Biden andava in giro a dire che aveva fermato l’indagine quindi se può darci un’occhiata…. a me suona orribile.

Zelensky: Volevo dirle del procuratore. Prima di tutto capisco e sono a conoscenza della situazione. Da quando abbiamo vinto la maggioranza in Parlamento, il prossimo procuratore generale sarà al 100% una persona fidata, un mio candidato, che sarà approvato dal parlamento e che comincerà in settembre. Lui o lei analizzerà la situazione, specificatamente l’azienda che ha menzionato. La questione dell’indagine è in realtà assicurare l’onestà, ce ne prenderemo cura e lavoreremo sull’indagine del caso. In aggiunta, vorrei gentilmente chiederle se ha altre informazioni che ci può fornire, sarebbe molto d’aiuto per l’indagine assicurare che verrà fatta giustizia nel nostro Paese in relazione all’ambasciatore ucraino negli Stati Uniti, la signora Ivanovich. È grandioso che sia stato lei il primo a dirmi che lei era un cattivo ambasciatore e sono d’accordo con lei al 100%. Il suo comportamento nei miei confronti era tutt’altro che buono e lei ammirava l’ex presidente ed era dalla sua parte. Non mi avrebbe accettato come nuovo presidente.

Trump: Beh, lei dovrà rispondere di alcune cose. Farò sì che Giuliani la chiami, così come il procuratore generale Barr e andremo in fondo alla cosa. Sono sicuro che capiremo cosa è successo. Ho sentito il procuratore ed era stato trattato molto male, ma era procuratore ottimo e onesto. Prevedo che la sua economia migliorerà. Avete molti vantaggi. È un grande Paese. Ho molti amici ucraini, sono persone incredibili.

Zelensky: Vorrei dirle che anche io ho molti amici ucraini che vivono negli Stati Uniti. Veramente l’ultima volta che ho viaggiato negli Stati Uniti sono stato a New York, vicino a Central Park e alla Trump Tower. Gli parlerò e spero di vederla di nuovo in futuro. Volevo anche ringraziarla per l’invito a visitare gli Stati Uniti, nello specifico Washington. Dall’altra parte, voglio assicurarla che saremo molto seri riguardo al caso e che lavoreremo sull’indagine. Per quanto riguarda l’economia c’è molto potenziale per i nostri due Paesi e una delle questioni che è molto importante per l’Ucraina è l’indipendenza energetica. Credo che possiamo avere successo e cooperare con gli Stati Uniti sull’indipendenza energetica. Stiamo già lavorando per la cooperazione. Stiamo acquistando il petrolio americano, ma ho molta speranza per un futuro incontro. Avremo più tempo e più opportunità di discutere e conoscerci meglio. Vorrei ringraziarla molto per il suo aiuto.

Trump: Bene. Grazie molte e lo apprezzo. Dirò a Rudy e al procuratore generale Barr di chiamarla. La ringrazio. Se vuole venire alla Casa Bianca si senta libero di chiamarmi. Mi dia una data e organizzeremo la cosa. Non vedo l’ora di vederla.

Zelensky: Grazie. Sarei molto felice di venire e sarei molto felice di incontrarmi con lei personalmente e di conoscerla meglio. Non vedo l’ora di avere un incontro e vorrei anche invitarla a visitare l’Ucraina e venire nella bellissima città di Kiev. Abbiamo un bellissimo Paese che la vorrebbe accogliere. Credo inoltre che il primo di settembre saremo in Polonia e spero di incontrarla. Detto ciò, potrebbe essere una buona idea per lei venire in Ucraina. Possiamo sia prendere il mio aereo e venire in Ucraina, sia prendere il suo aereo che è sicuramente meglio del mio.

Trump: Ok. Decideremo. Non vedo l’ora di vederla a Washington e forse in Polonia perché penso che saremo li anche noi.

Zelensky: Grazie signor Presidente.

Trump: Congratulazioni per il fantastico lavoro che ha fatto. L’intero mondo stava a guardare.

Zelensky: Grazie.

Leggi anche: