Lampedusa, due nuovi arrivi sui barchini con 50 persone a bordo

Pare che per evitare i controlli, che si concentrano soprattutto sui grandi pescherecci, i migranti vengano trasferiti su piccole barche una volta arrivati a poca distanza dall’isola

Due piccole imbarcazioni che trasportavano ognuna 25 migranti hanno raggiunto Lampedusa la sera del 29 settembre. Le barche sono state intercettate, una alle 20 e una alle 21, dalle motovedette della Capitaneria di porto e della Guardia di finanza mentre raggiungevano l’isola.

I passeggeri sono stati portati nel centro di accoglienza hot spot dell’isola, che al momento ospitava solamente una quindicina di persone. L’Ansa fa notare che le favorevoli condizioni meteorologiche attuali rendono probabili nuovi sbarchi nei prossimi giorni.

Ma anche se il mare è calmo, le vite di chi tenta la via del mare per raggiungere l’Europa rimangono in grande pericolo: ieri un’imbarcazione con a bordo oltre 50 persone si è capovolta al largo delle coste della Libia, ha fatto sapere l’Unhcr.

Sempre più spesso le imbarcazioni che raggiungono Lampedusa sono di piccole dimensioni. Gran parte di queste risultano non idonee e nelle condizioni a compiere l’intera traversata, quindi si suppone che vengano messe in mare nelle vicinanze dell’isola da una nave madre o da qualche peschereccio. Si tratterebbe di una strategia per evitare i controlli in mare, che vicino alle coste sono stati intensificati soprattutto per le grosse imbarcazioni.

Leggi anche: