Hong Kong, arrestato il 18enne ferito al petto dalla polizia. Una giornalista colpita a un occhio: perso uso della vista

Le condizioni del ragazzi sono ancora gravi, ma stabili

L’attivista 18 enne ferito al petto da un colpo d’arma da fuoco sparato da un poliziotto nel corso delle proteste di ieri a Hong Kong è stato arrestato e incriminato per aggressione. Lo ha riferito la Cbs News, precisando che le condizioni dell’attivista pro-democrazia sono gravi ma stabili.

La polizia di Hong Kong ha reso noto di aver arrestato 269 persone, dai 12 ai 71 anni, dopo le manifestazioni e i disordini di ieri; il bilancio giornaliero più alto dall’inizio delle proteste. È inoltre stato toccato il record di 1.400 lacrimogeni sparati, 900 proiettili di gomma e 230 di spugna.

Veby Indah, la giornalista indonesiana colpita da un proiettile di gomma all’occhio destro durante le proteste anti-governative del 29 settembre scorso a Hong Kong, perderà permanentemente la vista dall’occhio ferito. Lo ha dichiarato il legale della donna, Michael Vidler.

La giornalista, che scrive per i media di Hong Kong, «è stata informata che la pupilla si è rotta con l’impatto. L’esatta percentuale di invalidità permanente potrà essere giudicata solo dopo l’operazione chirurgica», ha detto l’avvocato, confermando che la donna è stata colpita da un proiettile di gomma.

Leggi anche: