Conte al Copasir: «Cosa facevano Salvini e Savoini con gli 007 russi?» – Il video

Durissimo l’attacco del presidente del Consiglio all’ex ministro dell’Interno (ed ex alleato di governo)

Conte, al termine dell’audizione al Copasir, a Roma, ha anche attaccato l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini. Rispondendo a chi gli chiedeva un commento sull’ultima puntata di Report (che ha indagato sui rapporti tra la Lega di Matteo Salvini, la Russia e la destra religiosa americana) ha detto: «Salvini mi ha sollecitato a chiarire questa vicenda e io l’ho fatto. Lui, invece, che si è candidato a guidare il paese, chiedendo i pieni poteri, non ha riferito in Parlamento (in merito ai rapporti tra l’ex ministro dell’interno e la Russia, in particolar modo sulla presenza di Savoini agli incontri, ndr)».

«Io sono andato in Parlamento a riferire al suo posto e lui non mi ha dato nessuna informazione, non ha nemmeno risposto alla mia richiesta. Non c’è stata sensibilità istituzionale. Forse Salvini dovrebbe chiarire cosa ci faceva con Savoini in Russia con le massime autorità russe e il responsabilità dell’intelligence russa, portandosi dietro Savoini che non ha nessun ruolo. Dovrebbe chiarire soprattutto agli elettori leghisti».

La replica della Lega

«Gli italiani vedono un Conte sempre più confuso, tira in ballo Mattarella, gli americani e i servizi segreti, ogni giorno insulta Salvini, ma intanto presenta una manovra economica fondata su tasse, tagli, burocrazia e manette. Più dell’onor poté la poltrona», così fonti della Lega a proposito delle parole del premier Giuseppe Conte.

Leggi anche: