Siria, Di Maio conferma stop alle armi per la Turchia: «Sotto esame le autorizzazioni esistenti» – Video

Il ministro degli Esteri ha riferito in senato sulla situazione in Siria

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha riferito davanti ai senatori sulla situazione in Siria, confermando la sospensione del rilascio di nuove autorizzazioni per l’export di armi verso la Turchia da parte dell’Italia. «Ho anche disposto di aprire un’istruttoria sulle autorizzazioni già esistenti» ha spiegato il ministro che aveva annunciato già due settimane fa il blocco di quelle future (tramite un decreto ministeriale), ma non di quelle già attive.

L’Italia aveva invocato l’intervento dell’Ue sul tema, dopo l’avvio delle operazioni militari della Turchia in Siria, ma non c’era stato alcun embargo a livello europeo sull’export di armi: ogni Stato membro potrà decidere come procedere. Ma dopo le parole di Di Maio in aula è intervenuta la senatrice Bonino in aula, sottolineando di non avere chiaro «se abbiamo interrotto le commissioni di armi verso la Turchia o stiamo pensando di farlo».

«La condanna della comunità internazionale ha avuto un ruolo nel raggiungimento delle tregue. Ogni sviluppo che ponga fine ai conflitti è positivo ma ci sono interrogativi sull’intesa raggiunta da Ankara e Mosca» ha aggiunto Di Maio. Secondo il ministro degli Esteri i tempi sarebbero maturi per aprire un dialogo con il regime siriano di Bashar Al Assad: «Credo che questi tempi siano maturi per fare un piccolissimo passettino in avanti, nell’ambito del comitato costituzionale che rappresenta il nostro faro».

Leggi anche: