Sondaggio Ixé, effetto Umbria sul governo giallo-rosso: cala la fiducia su Conte. Balzo di Fratelli d’Italia, frenano M5s e Pd

Perdono terreno i partiti di governo dopo la sconfitta alle regionali umbre. E la corrente negativa fa calare anche la fiducia nel premier

Il destino dell’alleanza giallo-rossa è segnata secondo l’ultimo sondaggio Ixé diffuso a Cartabianca su Raitre. Dopo la sconfitta alle Regionali in Umbria, secondo il 53% il patto non durerà, contro il 27% che pensa ancora in un futuro insieme tra M5s e Pd.

Gli effetti della debacle umbra si ripercuotono anche sul gradimento dei leader, con effetti negativi per il premier Giuseppe Conte al 41%, che perde due punti, gli stessi guadagnati dal leader della Lega Matteo Salvini al 36%. Il divario tra i due si riduce così a 5 punti. Sale anche la fiducia per Giorgia Meloni, ora al 32%, seguita da Nicola Zingaretti al 26%, Luigi Di Maio al 25% e Silvio Berlusconi al 22%. Ultimo in classifica è Matteo Renzi, che non va oltre il 14%.

Le intenzioni di voto

Dalla rilevazione della settimana precedente, la Lega conferma la prima posizione tra i partiti con maggiore consenso, guadagnando lo 0,4% e attestandosi ora al 30,9%. Segue il Pd in calo (-0,4%) al 19,5%, così come il M5s ora al 19,5%.

Segna un balzo Fratelli d’Italia, passato dall’8.7% al 9,5%. Torna a calare invece Forza Italia, ora al 7,7%. In leggera ripresa Italia viva, che passa dal 3,5% al 3,7% in una settimana.

Leggi anche: