Rogo Centocelle, il titolare del Baraka Bistrot: «Basta, non riaprirò»

Il locale è quello incendiato nella notte a Centocelle, quartiere alla periferia di Roma

«Abbiamo aperto da poco, a settembre. C’è poco da dire. Ripulisco tutto e basta. Non riaprirò. Non si può lottare contro una cosa che non sai cos’è».

A parlare è il titolare del Baraka Bistrot, il locale incendiato nella notte a Centocelle, quartiere alla periferia di Roma, lo stesso in cui è stata data alle fiamme la libreria-caffetteria La Pecora Elettrica. «Ho appena ricevuto una telefonata della sindaca – ha aggiunto – che mi ha espresso sincera solidarietà».

In un’intervista a Repubblica.it, il titolare Marco Nacchia ha spiegato: «Il collegamento con la Pecora Elettrica era facile. L’origine è dolosa al 100%. Non avevo mai subito minacce. Noi siamo persone normalissime, facevo il tassista fino a due mesi fa».

Cosa dice il ministro dell’Interno

«Sono in corso le indagini da parte della magistratura per individuare gli autori di queste azioni criminali. L’attenzione e l’impegno del Viminale, ed in particolare del prefetto e di tutte le forze dell’ordine che operano nella capitale, sono al massimo», queste le parole del ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, informata dal Prefetto di Roma in merito alle misure di intensificazione del controllo del territorio adottate dopo i recenti atti incendiari.

«Parteciperò al Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che si svolgerà il prossimo 15 novembre per una attenta analisi della situazione della sicurezza a Roma ed individuare le iniziative necessarie per rafforzare l’attività di contrasto ai fenomeni di criminalità», ha concluso il ministro.

Le parole della sindaca di Roma

«Non arrendetevi, le istituzioni sono con voi», questo il messaggio che la sindaca di Roma Virginia Raggi, con la sua visita a Centocelle (prima al Baraka Bistrot, poi nella strada dove è andata a fuoco La Pecora Elettrica), ha voluto mandare ai gestori dei locali recentemente oggetto di roghi, rivolgendosi più in generale anche agli abitanti della zona.

Leggi anche: