Azione, nasce (infine) a Roma il nuovo partito di Carlo Calenda

Dopo Italia Viva di Renzi, Cambiamo! di Giovanni Toti, arriva Azione di Carlo Calenda. Alla conquista del centro

Il centrosinistra ha un nuovo inquilino chiamato Azione. Dopo Italia Viva di Matteo Renzi anche Carlo Calenda scommette sull’alternativa centrista al Partito democratico (e sul disfacimento di Forza Italia) e lo fa trasformando il movimento liberal progressista Siamo Europei in un partito dal nome mazziniano.

La notizia, un’indiscrezione del quotidiano La Stampa, non è stata ancora commentata ufficialmente. Sul sito di Siamo Europei come sui canali social di Calenda si rimanda semplicemente al 21 novembre quando l’ex ministro dello Sviluppo economico presenterà a Roma il suo nuovo partito.

L’appoggio al Pd per le regionali in Emilia-Romagna

In settimana Calenda, adesso europarlamentare eletto nella regione Veneto con il Partito democratico nelle elezioni di maggio 2019, ha annunciato con un Tweet di voler comunque sostenere il candidato Pd Stefano Bonaccini nelle elezioni regionali in Emilia Romagna.

La rottura con il partito di Nicola Zingaretti si è consumata in seguito alla crisi di governo estiva e la decisione di entrare in un governo di coalizione con il Movimento 5 Stelle, da tempo oggetto di dure critiche da parte dell’ex ministro, (l’ultima polemica sulle responsabilità del suo successore al ministero nella rescissione del contratto di affitto dell’Ilva da parte di ArcelorMittal).

L’anti-Renzi. Probabile fusione con +Europa

Possibile quindi una alleanza con il Pd in futuro, anche se Calenda pare escludere ogni possibilità di collaborare con Matteo Renzi e Italia Viva. E poi ci sarebbe +Europa con cui fare i conti (e fare un partito) a partire da Emma Bonino e Stefano Parisi. Difficile vedere come nel breve termine però Azione possa superare il 5-6% di consensi di Italia Viva che dalla sua parte ha anche il fatto di avere una base solida di deputati e senatori.

Tanto lavoro da fare dunque, come suggerisce il nome che fa eco al Partito d’Azione. Un’eredità difficile, quale che sia il riferimento storico: quello mazziniano aveva come caratteristica l’essere un movimento insurrezionalista e rivoluzionario. Quello degli anni della guerra aveva tra i suoi esponenti Altiero Spinelli e Norberto Bobbio ed ha influenzato tutto il dopoguerra. Calenda può fare altrettanto?

Leggi anche: