Calenda tiene Renzi a distanza, già sfotte il nuovo partito: «A me sembra il nome di un…»

L’ex ministro un nome per un nuovo partito lo aveva già: «Ma non piace a nessuno»

Difficile al momento assistere all’ingresso dell’europarlamentare Carlo Calenda nel nuovo partito di Matteo Renzi. E di certo l’ex ministro ci sta mettendo del suo per tenere le distanze da Italia Viva, a partire dai tweet con cui prende in giro proprio la scelta del nome del partito.

«Posso dire – scrive Calenda su Twitter – sembra un po’ il nome di un allevamento ittico». Lui stesso ammette di non aver avuto molta fortuna con i nomi in passato, visto che le sue proposte finora non hanno raccolto grandi entusiasmi: «Io non ci capisco nulla, mi piaceva Fronte repubblicano che non piace a nessuno».

C’è chi sui social lo critica comunque per la sua scelta, simile a quella di Renzi, di lasciare il Pd per dare vita a un piccolo partito legato alla sua persona. Calenda non si tira indietro e ribatte: «Se non ti trovi più nelle scelte di una classe dirigente non stai per forza dentro. Questa si è una visione novecentesca da partito chiesa. Stiamo cercando di costruire un ricambio di classe dirigente. È il contrario di un partito personale».

Leggi anche: