Giorgia Meloni contro Fioramonti: «Doveva dimettersi per i post sulle forze dell’ordine e le donne»

La leader di Fratelli d’Italia saluta l’addio del ministro

La leader di Fratelli d’Italia quasi non aspettava altro. Alle dimissioni dell’ormai ex ministro di Istruzione e Ricerca, Lorenzo Fioramonti, Giorgia Meloni fa seguire un post su Facebook particolarmente aggressivo.


Non sentiremo la mancanza del ministro Fioramonti, che avrebbe dovuto rassegnare le sue dimissioni già da tempo per i…

Gepostet von Giorgia Meloni am Donnerstag, 26. Dezember 2019

La leader politica non ha dimenticato quando, a ottobre scorso, furono ripescati i post su Facebook del 2013 firmati da Fioramonti, che allora era semplicemente un professore associato di Economia presso l’università di Pretoria, in Sudafrica.

A proposito dei fatti del G8 di Genova, il futuro ministro scriveva: «La polizia, allora come oggi, sembra più un corpo di guardia del potere, invece che una forza al servizio dei cittadini».

A suscitare le maggiori polemiche, però, era stato il commento poco rispettoso nei confronti di Daniela Santanchè che ora milita proprio nelle fila di Fratelli d’Italia: «Una demente bugiarda e venduta. Ma che donna! Un personaggio raccapricciante e disgustoso. Se fossi una donna mi alzerei e le sputerei in faccia, con tutti gli zigomi rifatti , aveva scritto Fioramonti che ancora prima – siamo nel 2009 – aveva dato a Silvio Berlusconi del “nano iettatore, imperatore della sfiga».

Giorgia Meloni rincara la dose: «Avrebbe dovuto rassegnare le sue dimissioni già da tempo per i suoi post ignobili e deliranti contro le Forze dell’Ordine e le donne. Lo ha fatto solo dopo l’approvazione della manovra, ammettendo il fallimento su scuola e università di un Governo guidato da un professore. La sua eredità è un pessimo decreto scuola e la sciagurata invenzione di sugar e plastic tax, due folli tasse che mettono a rischio migliaia di posti di lavoro in Italia». 

Leggi anche: