Nella vasca da bagno saluta «il gruppo del revenge porn». Salvini lo difende: «Non mi occupo delle scelte sessuali altrui»

Il candidato della Lega in Calabria aveva fatto notizia per aver diffuso un video in cui si rilassava in una vasca da bagno

«Che problema c’è a stare in vasca da bagno e bersi un rum? Non è reato». E il revenge porn? «Non entro nell’argomento, non mi interesso dei gusti sessuali altrui».

Così l’ex ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha commentato – difendendolo – il post pubblicato giorni fa dall’ex consigliere comunale, ora in corsa per un posto da consigliere regionale, Alfio Baffa.

Il candidato della Lega in Calabria aveva fatto notizia per aver diffuso un video in cui, mentre se ne stava in panciolle in una vasca, col sigaro in mano e la bottiglia di rum a portata di mano, goliardicamente salutava gli amici della chat intitolata “Revenge Porn”.

La clip era diventata subito virale, scatenando polemiche e indignazione. Ma Baffa, stolido delle sue convinzioni, si era giustificato così, con un lungo post su Facebook:

In merito al video che mi sta rendendo famoso mi chiedo: un bagno in vasca fa notizia perché i candidati delle altre liste non sono molto “puliti”? O forse è una questione di buon gusto? Perché in quel caso ci tengo a scusarmi: non si può bere del rhum in un bicchiere di plastica! Che un video mandato goliardicamente a qualche amico potesse finire sulle testate nazionali non me lo sarei mai aspettato, ma grazie a questo video avrò qualche vecchio amico in meno ma tanti nuovi amici in più che stanno esprimendo solidarietà per questo sciacallaggio. La politica calabrese è cattiva, me lo avevano detto, ma pensavo mi giudicassero per i temi o per le categorie che intendo rappresentare, non certo per aver detto qualche parola inopportuna in una chat goliardica! Chiedo scusa se qualcuno si fosse sentito offeso o non abbia gradito la mia vista in una vasca, per farmi perdonare durante la mia campagna elettorale distribuirò gratuitamente sigari a chi ne vorrà. Credo che nella vita si può sbagliare qualche parola o qualche scelta, ma dagli errori si guarisce. Di cattiveria, invece, si muore. Vi aspetto per fumarci un sigaro insieme, e crepi l’avarizia.

Accantonate per un momento le parole dell’ex consigliere, il leader del Carroccio ha sorvolato sull’argomento “revenge porn” – dichiarato reato dalla legge -, liquidandolo come «scelte sessuali altrui».

In copertina: Alfio Baffa e Matteo Salvini

Leggi anche: