Coronavirus, primo italiano positivo. È uno dei rimpatriati da Wuhan

Il paziente è attualmente ricoverato all’ospedale Spallanzani di Roma

Anche l’Italia ha il primo caso di Coronavirus. Si tratta di uno degli italiani tornati dal Wuhan, la provincia cinese focolaio del virus, e messo in quarantena. A comunicarlo è stato l’Istituto superiore di sanità.


Il paziente, un uomo adulto di 30-40 anni, è attualmente ricoverato all’ospedale Spallanzani di Roma con un «modesto rialzo termico ed iperemia congiuntivale».

«L’Istituto superiore di sanità – si legge in una nota – sta coordinando l’organizzazione della sorveglianza epidemiologica a livello nazionale e supporta i laboratori di riferimento regionali per garantire una prima diagnosi tempestiva. Nei casi di positività al primo test l’Istituto effettua le analisi di conferma comunicandole alla task-force del ministero della Salute».

Salgono a tre i casi in Italia

Si tratta del terzo caso dopo quello dei due cinesi ricoverati anche loro allo Spallanzani di Roma. Al ritorno dalla Cina l’uomo era stato messo in quarantena nella città militare della Cecchignola, a sud di Roma.

Sono 56 gli italiani tornati dal Wuhan e messi in quarantena. L’uomo ricoverato allo Spallanzani «si trovava in una stanza singola», fanno sapere da Cecchignola, e i contatti con gli altri reclusi sarebbero stati pochi.

Questo articolo è in aggiornamento.

Leggi anche: