Coronavirus. Psicosi Ucraina, blocchi e sassi lanciati contro gli autobus dei connazionali tornati dalla Cina – Video

I cittadini ucraini tornati dalla Cina, negativi ai test sul coronavirus, sono stati presi d’assalto dai loro connazionali

I cittadini ucraini che si trovavano a Wuhan, epicentro dell’epidemia del nuovo coronavirus, sono atterrati il 20 febbraio 2020 nell’aeroporto di Kharkiv per essere poi trasferiti per un periodo di quarantena nel centro di Novi Sanzhary, situato nella regione di Poltava dell’Ucraina centrale. Dopo un difficile atterraggio, nel corso del trasferimento sono stati presi d’assalto dai loro connazionali con blocchi e lanci di pietre.

VK | Gli ucraini a bordo dell’autobus durante il loro trasferimento al centro medico di Novi Sanzhary dall’aeroporto di Kharkiv

Un aggressione dovuta alla psicosi, alla paura di portare il virus in Ucraina attraverso le 72 persone appena atterrate, nonostante siano tutte risultate negative al test. Tra questi 27 stranieri, per lo più sudamericani.

112 Ukraina TV | I video degli scontri a Novi Sanzhary

La polizia, in tenuta antisommossa, ha protetto gli autobus dai contestatori che, nonostante tutto, sono riusciti a colpire i mezzi rompendo i vetri e mandando nel panico i loro concittadini a bordo.

VK | Foto di uno degli autobus colpiti dai contestatori

Il ministro della salute, Zorina Skaletska, ha annunciato su Facebook che si sarebbe messo in quarantena volontaria per 14 giorni in segno di solidarietà per i rimpatriati nel centro di Novi Sanzhary, nelle loro stesse condizioni e nella speranza di dare un segnale per calmare gli animi.

Il post Facebook del ministro della salute ucraino dove annuncia la quarantena volontaria insieme ai rimpatriati

Nel frattempo, sono ventiquattro le persone arrestate durante gli scontri con la polizia.

Strana.ua | I video degli scontri a Novi Sanzhary

Leggi anche: