Usa 2020, anche Warren abbandona: sarà scontro tra Sanders e Biden

Era riuscita a fare breccia tra i democratici, diventando la pioniera della sinistra americana

Una corsa che pareva inarrestabile ma che si è dimostrata insufficiente per raggiungere l’obiettivo: Elizabeth Warren si ritira dalla gara per le presidenziali e cede il passo a Bernie Sanders e Joe Biden. La senatrice del Massachusetts avrebbe già dato disposizioni al suo staff – secondo il racconto del New York Times – sulla sua intenzione di abbandonare. La donna si era fatta strada tra i democratici, arrivando ben presto a essere la punta di diamante tra i progressisti americani. Peccato che i suoi comizi, quasi sempre impeccabili dal punto di vista dell’efficacia – nell’immediato -, non si siano tramutati in voti.


Il momento di gloria è di fatto scaduto col Super Tuesday: saranno infatti Sanders e Biden a giocarsi il tutto per tutto per il posto alla Casa Bianca – dopo il passo indietro dell’ex sindaco di New York, Michael Bloomberg, che, nel frattempo, ha dichiarato che appoggerà Biden. Le avvisaglie di una sconfitta politica, però, erano già arrivate a dicembre, dopo un dibattito presidenziale avvenuto a novembre: in quell’occasione Warren si era dimostrata troppo debole e gli avversari politici l’avevano annientata, attaccandola su tutti i fronti. Una parabola discendente, quella della senatrice: nei primi quattro stati votanti, ha conquistato il terzo posto nell’Iowa, il quarto nel New Hampshire e nel Nevada. Solo quinta nella Carolina del Sud.

Leggi anche: