Coronavirus. Secondo Mike Pompeo il virus è stato creato o modificato dall’uomo? Ecco cosa ha detto realmente

Durante l’intervista rilasciata ad Abc News il Segretario di Stato americano Mike Pompeo parla e contraddice se stesso

Dal 3 maggio 2020 circola una presunta dichiarazione da parte del Segretario di Stato americano, Mike Pompeo, sull’origine del nuovo Coronavirus. TGcom24, ad esempio, pubblica un articolo dal titolo «Usa, Pompeo: “Coronavirus creato in laboratorio a Wuhan, ci sono le prove”» riproponendo, dunque, la teoria della creazione o della manipolazione in laboratorio. TGcom24, rispetto ad Agi o altre testate, non riporta la fonte della dichiarazione: un’intervista rilasciata all’emittente Abc News.

Dal video di Abc News, così come dal sito dove viene riportata la trascrizione dello stesso, il Segretario americano Mike Pompeo dichiara e poi si smentisce da solo. Martha Raddatz, la giornalista che lo intervista, se ne rende conto e pone le domande giuste di fronte alle sue «strane» dichiarazioni. Il punto è e rimane sempre lo stesso: la scienza dice una cosa, Pompeo dice un’altra e non riporta alcuna prova a sostegno di ciò che afferma, ammettendolo pure.

Le «prove enormi»

Nell’introdurre l’argomento, Abc News mostra a Pompeo e ai telespettatori le dichiarazioni del DNI (Director of National Intelligence). Ecco la trascrizione dell’intervento della giornalista Martha Raddatz:

MARTHA RADDATZ, ABC NEWS ANCHOR: And — and as for the origins of COVID-19, the Office of the Director of National Intelligence released a statement this week saying the virus did originate in China, but concurs with the wide scientific consensus that the COVID-19 virus was not manmade or genetically modified. The statement going on to say that they will continue to examine whether the outbreak began through contact with infected animals or if it was the result of an accident in a laboratory in Wuhan.

Insomma, secondo l’Intelligence americana il virus ha origine in Cina e concorda con gli scienziati sull’origine naturale, non creato o modificato in laboratorio. Nelle dichiarazioni si riporta, infine, che l’Intelligence continuerà la ricerca dell’origine dell’epidemia, se questa è scoppiata a seguito di contatti avvenuti con animali infetti o se sia sfuggito incidentalmente da un laboratorio.

Dopo aver proposto un video dove veniva intervistato il Presidente americano Donald Trump sul tema Coronavirus e il laboratirio di Wuhan, nel quale appoggia la teoria del collegamento tra le due cose, Martha Raddatz pone alcune domande a Mike Pompeo:

RADDATZ: And, Mr. Secretary, have you seen anything that gives you high confidence that it originated in that Wuhan lab?

POMPEO: Martha, there’s enormous evidence that that’s where this began. We’ve said from the beginning that this was a virus that originated in Wuhan, China. We took a lot of grief for that from the outset, but I think the whole world can see now.
Remember, China has a history of infecting the world, and they have a history of running substandard laboratories. These are not the first times that we’ve had a world exposed to viruses as a result of failures in a Chinese lab.
And so, while the intelligence community continues to do its work, they should continue to do that and verify so that we are certain. I can tell you that there is a significant amount of evidence that this came from that laboratory in Wuhan.

RADDATZ: Do you believe it was manmade or genetically modified

POMPEO: Look, the best experts so far seem to think it was manmade. I have no reason to disbelieve that at this point.

RADDATZ: Your — your Office of the DNI says the consensus, the scientific consensus was not manmade or genetically modified.

POMPEO: That’s right. I — I — I agree with that. Yes. I’ve — I’ve seen their analysis. I’ve seen the summary that you saw that was released publicly. I have no reason to doubt that that is accurate at this point.

RADDATZ: OK, so just to be clear, you do not think it was manmade or genetically modified?

POMPEO: I’ve seen what the intelligence community has said. I have no reason to believe that they’ve got it wrong.

Domandando a Pompeo se ha qualche evidenza per sostenere che il nuovo Coronavirus abbia avuto origine in un laboratorio di Wuhan e se questo era stato creato o modificato dall’uomo, il Segretario di Stato risponde sostenendo che ci sono «prove enormi» che lo dimostrerebbero, ma non ne cita nemmeno una. Martha Raddatz, a questo punto, ricorda quanto l’Intelligence americana abbia sostenuto la comunità scientifica in merito all’origine naturale del virus (ne avevamo parlato in un precedente articolo). Nel rispondere all’intervento di Martha Raddatz, il Segretario Pompeo si allinea con quanto dichiarato dall’Intelligence ritirando, dunque, quanto da lui dichiarato in precedenza. L’intervista, però, non finisce qui:

RADDATZ: And — and, just very quickly if we can, Mr. Secretary, we’re running out of time, do you think they intentionally released that virus or it was an accident in the lab?

POMPEO: You know, I don’t have anything to say about that. I think there’s a lot to know. But I can say this. we’ve done our best to try and answer all of those questions. We tried to get a team in there, the World Health Organization tried to get a team in there, and they have failed. No one’s been allowed to go to this lab or any of the other laboratories. There are many labs inside of China, Martha. This risk remains. This is an ongoing challenge.
We still need to get in there. We still don’t have the virus samples we need. This is an ongoing threat, an ongoing pandemic and the Chinese communist party continues to block access to the western world, the world’s best scientists, to figure out exactly what happened.
So I can’t answer your question about that because the Chinese communist party has refused to cooperate with world health experts.

RADDATZ: Thanks very much for joining us, Mr. Secretary. We appreciate your time this morning.

Dalla domanda sulla teoria (smentita) della creazione in laboratorio si passa alla seconda, quella dove si sostiene che il virus sia naturale e sfuggito da un laboratorio. Mike Pompeo risponde sostenendo che non ha nulla da dire al riguardo, che ci sia molto da sapere e che ci sono domande alle quali bisogna ancora rispondere. Insomma, anche per questa teoria non vi sono prove riportate da Mike Pompeo.

Le precedenti dichiarazioni

Lo scorso 30 aprile 2020 Mike Pompeo aveva risposto così alle domande di un’emittente radiofonica:

QUESTION: Right. I mean, some of those doctors have been disappeared as well, Mr. Secretary. It is very serious stuff. Now, if it did escape from a laboratory in Wuhan, is it potential – is the potential there that they know how to cure it and maybe are about to make a huge killing – the most bad choice of words – financially on the cure? Or am I being naive here?

SECRETARY POMPEO: Well, we don’t know precisely where it began. We don’t know if it came from the Wuhan Institute of Virology. We don’t know if it emanated from the wet market or yet some other place. We don’t know those answers. It’s why President Trump has made clear we need to get those answers. The people who know the answer to that, or at least most likely to know the answer to that, reside inside of China. It’s the leadership of the Chinese Communist Party. I hope we can get to a better place.

Già allora non sapeva fornire risposte certe, in mancanza di prove per confermare le accuse alla Cina e a un laboratorio a Wuhan.

L’origine secondo la scienza

Sulle origini complottiste della tesi del virus ingegnerizzato e quali sono invece le «prove enormi» del fatto che la sua origine naturale sia certa, possiamo rimandarvi ad un nostro precedente articolo, con link ad altri che trattano ogni singola argomentazione cospirazionista. Riportiamo altre evidenze pubblicate in un articolo del 16 aprile 2020 sul sito dell’Università di Sidney a firma del Prof. Edward Holmes, uno degli autori dell’articolo pubblicato su Nature lo scorso 17 marzo 2020 sulle origini del Sars-cov-2:

The closest known relative of SARS-CoV-2 is a bat virus named RaTG13, which was kept at the Wuhan Institute of Virology. There is some unfounded speculation that this virus was the origin of SARS-CoV-2. However:

(i) RaTG13 was sampled from a different province of China (Yunnan) to where COVID-19 first appeared; and

(ii) the level of genome sequence divergence between SARS-CoV-2 and RaTG13 is equivalent to an average of 50 years (and at least 20 years) of evolutionary change.

Per rispondere alle speculazioni sull’origine del virus, Holmes spiega per compiere le evoluzioni necessarie dal virus del pipistrello presente nel famoso Istituto di Virologia di Wuhan (uno dei due “laboratori”) all’attuale Sars-cov-2 ci vorrebbero da minimo 20 a una media di 50 anni. Manca, inoltre, l’animale dal quale è stato compiuto il salto verso l’essere umano e secondo Holmes le specie potrebbero essere molteplici:

In addition, we know that viruses related to SARS-CoV-2 are also found in pangolins. This suggests that other wildlife species are likely to carry relatives of SARS-CoV-2.

In summary, the abundance, diversity and evolution of coronaviruses in wildlife strongly suggests that this virus is of natural origin. However, a greater sampling of animal species in nature, including bats from Hubei province, is needed to resolve the exact origins of SARS-CoV-2.

Holmes parla del pangolino, dove si è trovato un virus correlato al Sars-cov-2, suggerendo la possibilità che ci possano essere più specie selvatiche portatrici di virus simili.

Le «vere prove»

Le uniche «prove» riportate da Pompeo sono le critiche nei confronti della Cina per la gestione iniziale dell’epidemia, quella dove hanno deliberatamente nascosto ai cinesi e al mondo intero il pericolo che stavano correndo. Risulta che su Open avevamo raccontato, in un articolo del 24 gennaio 2020, degli 8 arrestati in Cina per aver raccontato la verità sul virus prima ancora del Governo di Pechino.

Pompeo parla anche della propaganda cinese, altro elemento riscontrato e raccontato in un articolo di Open del 20 marzo 2020 sui video italiani manipolati. Un lavoro che è stato citato in un articolo del Financial Times del 3 maggio 2020.

Queste, però, non sono prove scientifiche e non dimostrano che il virus provenga da un laboratorio di Wuhan. Come diciamo fin dall’inizio a Open, bisogna portare le prove per sostenere una tesi, non opinioni o «scommesse».

I precedenti di Pompeo

Intanto cerchiamo di capire quanto possano essere attendibili le dichiarazioni di Pompeo. Già in precedenza i colleghi del Congresso avevano chiesto a Pompeo, quali fossero le prove del fatto che il Coronavirus fosse una «bufala», creata secondo lui dai cinesi, per mettere in cattiva luce il presidente Donald Trump. Il Ministro però non è riuscito a dare alcuna spiegazione.

Pompeo aveva già fatto parlare di sé per le bugie prodotte in difesa del suo Presidente, anche di fronte alla pura evidenza, come quando negò che Trump avesse dichiarato di voler prendere di mira 52 siti culturali iraniani.

Pompeo è anche uno dei personaggi che ruotano attorno alla tesi di complotto del «genocidio bianco». Nell’estate 2018 Trump incaricò il segretario si Stato di indagare su presunti «sequestri ed espropri di terra e fattorie, e l’uccisione in larga scala degli agricoltori», a opera di questo sedicente complotto, il quale ha poi diramazioni anche nelle tesi sul piano Kalergi e varie altre declinazioni xenofobe.

Open.online is working with the CoronaVirusFacts/DatosCoronaVirus Alliance, a coalition of more than 100 fact-checkers who are fighting misinformation related to the COVID-19 pandemic. Learn more about the alliance here (in English)

Leggi anche: