Coronavirus, più di 100mila richieste per il reddito d’emergenza – I dati dell’Inps

Resi pubblici anche i dati relativi alle domande per il bonus baby sitting da 600 euro

Sono 100.258 le domande relative al reddito d’emergenza – bonus introdotto in seguito allo scoppio della pandemia da Coronavirus – presentate all’Inps. L’Istituto per la Previdenza sociale ha pubblicato i dati sul proprio sito e sui canali ufficiali delle piattaforme social. Di quelle 100mila domande, arrivate dopo una sola settimana, 63.140 sono state inviate direttamente dai cittadini e 37.118 dai patronati.

Resi pubblici anche i dati relativi alle domande per il bonus baby sitting da 600 euro. Al 25 maggio sono pervenute all’Inps 191.595 richieste. Di queste, 155.357 provengono dal settore privato e 36.238 dal settore pubblico, 154.751 sono già scritte sul libretto di famiglia,113.404 famiglie ne hanno già beneficiato.

Per quanto riguarda l’indennità Covid per i lavoratori domestici, sono state presentate da cittadini e patronati 44.266 domande. 29.659 provengono dai cittadini, mentre 14.607 sono quelle arrivate dai patronati.

L’Inps ha poi versato l’indennità di 600 euro prevista dal decreto Cura Italia e prorogata dal decreto Rilancio a quattro milioni di lavoratori autonomi a fronte di 4,8 milioni di domande pervenute. La Regione che ha avuto più indennità pagate è la Lombardia con oltre 571.000, seguita dal Veneto con 334.000 e l’Emilia Romagna con 331.000.

Leggi anche: