Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Coronavirus, basta un colpo di tosse e vostro figlio verrà prelevato in ambulanza da scuola? Esagerati!

Un’esercitazione in vista della riapertura delle scuole? Il video è vecchio e non riguarda l’Italia

Ci segnalano un video, pubblicato il 7 giugno 2020 sul canale Youtube Igienistamentale reload dal titolo: «Quello che accade quando prelevano un bambino dalla scuola», durante il quale un minorenne viene portato via per sospetta infezione da Coronavirus da degli operatori sanitari all’interno di una barella per il contenimento biologico. La scena non è piacevole da vedere, si sentono anche delle urla, ma secondo il canale Youtube si tratterebbe di un’esercitazione. Il canale poi pone una domanda: «Volete davvero che questo accada ai vostri figli se hanno un colpo di tosse a scuola?». Facciamo chiarezza.

Il video e la descrizione

Il gestore del canale Youtube riporta la seguente descrizione del video:

E’ solo una esercitazione, ma la procedura è la medesima, notate nonostante sia una esercitazione, il bambino che piange ed è terrorizzato. Volete davvero che questo accada ai vostri figli se hanno un colpo di tosse a scuola ?

Ecco il video:

I commenti al video

Senza alcuna reale informazione relativa ai fatti riportati nel video, gli utenti si lasciano andare nei commenti «sostenendo cose» di questo genere:

Lamberto: «Non mandate i ragazzi a scuola. E’ vero , i genitori non verranno avvisati dell’accertamento medico. se li lasciamo fare si prenderanno anche le ns anime. E poi non voglio pensare perchè hanno preparato tanti vagoni sanitari ,Sembra impossibile ma stiamo cadendo all’inferno .E’ ora di muoversi a costo di mettere in gioco tutto ciò che abbiamo, anche la vita»

Mika2news: «DR.SSA SILVANA DE MARI: NON MANDARE TUO FIGLIO A SCUOLA. SI PUÒ OPTARE X LA SCUOLA PARENTALE. INFO NEI COMMENTI DEL VIDEO»

Sirio: «Hanno intenzione di togliere la patria podestà a chi non segue le regole imposte da questa dittatura, tipo chi non fa il vaccino OBBLIGATORIO!»

Non mancano, dunque, i commenti dei genitori che non vogliono più mandare i propri figli a scuola per il timore di vederli trattati in quel modo: «Non posso sentire… Io non lo manderò a scuola col rischio che succeda».

Il fatto

Per prima cosa non si tratta di una esercitazione. Abbiamo fatto vedere il video a un madrelingua russo, il quale ascoltando la voce e le parole della persona con il camice azzurro ha intuito che fosse la madre del giovane paziente. Il fatto è avvenuto ad aprile 2020 a Krasnodar, in Russia, e il bambino era stato trasferito in ospedale perché presentava i sintomi del Covid-19 (si parlava di febbre alta).

La vicenda era stata raccontata dal sito Kp-ru in un articolo del 14 aprile 2020 che riportava le dichiarazioni dei paramedici e del ministero della Salute in merito alle pratiche usate. Infatti, tutti i cittadini sospettati di essere infetti dal Sars-Cov2 vengono portati in ospedale in questo modo e in caso di minorenni devono essere accompagnati per legge dai genitori. I paramedici, inoltre, sono istruiti al fine di preparare psicologicamente i bambini in questo genere di operazioni, ma non sempre si riesce ad ottenere un risultato ottimale nonostante la presenza del genitore.

Conclusioni

Ci troviamo di fronte a un video girato in Russia ad aprile, nel quale un bambino è stato realmente portato in ospedale perché ritenuto un caso sospetto di Covid-19. Non si tratta affatto di una esercitazione in vista del ritorno a scuola dei figli degli italiani.

Contrariamente a quanto riportano alcuni commentatori, il bambino non viene prelevato per poi rischiare di non essere ritrovato dai genitori che perderanno la «patria potestà». Il consiglio resta sempre lo stesso: evitare di inventarsi storie senza senso che generano panico nella cittadinanza.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: