Salvini torna a sorpresa a Mondragone dopo le contestazioni. E scatta i selfie (senza mascherina) – Il video

Dopo il comizio del 29 luglio, annullato in seguito alle contestazioni di un folto gruppo di mondragonesi, il leader del Carroccio fa il ritorno in provincia di Caserta

C’è un dispiegamento di forze impressionante nella cittadina del litorale Domizio. Matteo Salvini, con solo mezz’ora di preavviso, ha deciso di tornare a Mondragone. Alcuni abitanti del casertano, lo scorso lunedì, avevano contestato aspramente il segretario della Lega, il quale si era visto costretto ad annullare il comizio ai piedi dei Palazzi ex Cirio, zona rossa del cosiddetto “focolaio bulgaro”.


Oggi, 3 luglio, l’intera zona del lungomare di Mondragone è stata isolata: carabinieri e poliziotti hanno vietato l’accesso ai veicoli e una formazione di agenti è posizionata a presidio della piazza centrale del lungomare, piazza Mario Liberato Conte. Salvini ha voluto incontrare i rappresentanti delle realtà produttive del territorio.

In particolare, fanno sapere fonti del Carroccio, il segretario ha parlato con «agricoltori, allevatori, imprenditori balneari e proprietari di strutture ricettive». Ad accompagnare Salvini, il segretario della Lega in Campania, Nicola Molteni.

Il centro di Mondragone, prima dell’arrivo di Matteo Salvini

Con il mare sullo sfondo, Salvini ha scattato i soliti selfie con le poche decine di persone presenti. Anche questa volta, come in altri comizi da quando il Coronavirus si è diffuso in Italia, il segretario della Lega ha ignorato le norme di distanziamento sociale, abbracciando e facendosi foto con i suoi fan senza mascherina.

La visita è stata molto breve: dopo il rito delle fotografie e dei saluti ai sostenitori sul lungomare, Salvini ha avuto un colloquio con alcuni imprenditori e personalità locali: «Continuerò a tornare nel Casertano e in Campania fin quando non verranno messi al centro il lavoro, la sicurezza, e la tranquillità delle persone», ha dichiarato.

Leggi anche: