Francia, la festa nazionale del 14 luglio diventa un omaggio a medici e infermieri ai tempi del Coronavirus – Il video

In una parata senza pubblico, Parigi ha commemorato sulle note della Marsigliese le vittime del Coronavirus e gli operatori sanitari in prima linea nella gestione dell’emergenza

Il tricolore srotolato dai militari. Attorno – quasi a voler fare da guardiani – uno schieramento di medici e infermieri. È con questa immagine che la Francia ha voluto rendere omaggio ai suoi operatori sanitari nel giorno della festa nazionale per la Presa della Bastiglia. Con il presidente Emmanuel Macron in tribuna insieme a tutti i membri del governo, a Parigi sono risuonate le note della Marsigliese, in un momento di commozione per ricordare anche le vittime del Coronavirus.

Una cerimonia che si è svolta a “ranghi ridotti” con soltanto 2.500 militari e 1.400 tra medici e infermieri. Erano loro l’unico pubblico ammesso sugli Champs Élysées per le misure di prevenzione imposte dalla pandemia, tanto che i militari hanno sfilato a piedi rispettando il distanziamento sociale e senza mezzi blindati o camionette.

La cerimonia è stata dedicata anche al generale Charles de Gaulle e al suo appello del 18 giugno alla resistenza, lanciato sulle onde della BBC 80 anni fa e celebrato da pochi giorni. Alle 13.10, Macron ha concesso – per la prima volta durante il suo mandato – l’intervista dall’Eliseo per il 14 luglio, una tradizione per i suoi predecessori che lui aveva voluto interrompere.

Leggi anche: