Accordo tra Israele ed Emirati Arabi: un parlamentare norvegese nomina Trump al Nobel per la pace

«Il Medio Oriente diventerà una Regione di cooperazione e prosperità», ha scritto il politico di Oslo nelle motivazioni inviate al comitato svedese

Per la seconda volta – la prima era stata nel 2018 in occasione dell’accordo con Kim Jong-un – Christian Tybring-Gjedde ha nominato il presidente americano Donald Trump al Nobel per la pace. Tyrbing-Gjedde, deputato del parlamento norvegese con posizioni anti immigratorie e appartenente a un partito di estrema destra, ha proposto a due anni di distanza un’altra nomina per Trump.

Questa volta la ragione è il ruolo degli Stati Uniti nell’accordo di pace tra Israele ed Emirati Arabi Uniti. Ma non solo. Per il deputato norvegese il presidente americano ha lavorato per garantire l’amicizia globale tra le Nazioni e per ridurre il numero di truppe americane in Medio Oriente. Secondo Gjedde Trump ha fatto enormi sforzi soprattutto per garantire un riavvicinamento tra Tel Aviv e Abu Dhabi.

Un «punto di svolta» per il Medio Oriente

Nella lettera inviata al Comitato per il Nobel il politico norvegese ha scritto che, poiché si prevede che altri Paesi del Medio Oriente seguiranno gli Emirati Arabi Uniti, questo accordo può essere un «punto di svolta» che renderà il Medio Oriente una regione di cooperazione e prosperità.

Foto copertina: EPA/Yuri Gripas

Leggi anche: