Agenti scagionati per la morte di Breonna Taylor, scoppia la rivolta a Louisville: spari contro la polizia, due poliziotti feriti – Video

Due agenti sono rimasti feriti da colpi di pistola durante le proteste scoppiate a Louisville. La rabbia è esplosa dopo la decisione del gran giurì sugli agenti coinvolti nella morte della 26enne Breonna Taylor a marzo

Due agenti di polizia sono rimasti feriti da colpi di arma da fuoco durante le proteste scoppiate a Louisville in Kentucky dopo la decisione del gran giurì sui tre poliziotti legati alla morte della giovane afroamericana Breonna Taylor, avvenuta in casa sua lo scorso marzo e diventata uno dei simboli delle proteste del movimento Black lives matter. Un solo agente, Brett Hankinson che ha materialmente sparato su Taylor, è stato incriminato, ma solo per condotta negligente e pericolosa, mentre per gli altri due che lo accompagnavano non sono state sollevate accuse.


La rabbia è scoppiata in Kentucky con il ferimento di due agenti, ma si è rapidamente allargata nel resto degli Stati Uniti, da Washington, con un corteo arrivato davanti alla Casa Bianca, a New York. Manifestazioni e proteste che hanno inevitabilmente coinvolto i due sfidanti alle Presidenziali Usa. Dalla Casa Bianca, Donald Trump ha esaltato il lavoro del procuratore del Kentucky: «Una star… veramente brillante». Lo sfidante democratico, Joe Biden, è invece intervenuto sulle proteste, condannando le violenze scoppiate per le strade, che secondo Biden «non devono macchiare» la memoria di Breonna Tayler.

Leggi anche: