Un giorno difficile: Veneto sopra 2.100 casi, con 11 decessi. Per ora su 6 Regioni i contagi crescono del 10%

Ieri i nuovi positivi erano stati 1.526. Il governatore Zaia: «Entro 48 ore il piano per l’attivazione dei Covid Center»

Il Veneto supera la soglia dei 2.000 casi di Covid-19 in un giorno. I nuovi contagi nella Regione sono 2.143 nelle ultime 24 ore. Il totale da inizio pandemia sale così a 49.135 malati. Sono 11 invece i decessi, per un bilancio complessivo di 2.355. Secondo il bollettino della Regione, gli attuali positivi sono 21.600; in isolamento domiciliare ci sono invece 15.993 persone (+1.326), di cui 6.949 positive (+532) e 480 sintomatiche. In questo quadro, non accenna a diminuire la pressione sugli ospedali, con 802 ricoverati nei reparti non critici (+53) e 94 (+6) nelle terapie intensive.


Oggi il governatore Luca Zaia ha detto: «Ho chiesto alle aziende di depositare un piano di attività per i Covid Center, con restrizioni graduali, in modo che in 24-48 ore passi in Comitato tecnico scientifico regionale e poi direttamente lo acquisiremo come soggetto attuatore nell’unità di crisi». «Continuiamo – ha aggiunto – a imbarcare 50 pazienti in area non critica, sono questi i reparti che fanno da riferimento per il piano di emergenza, rispetto alle terapie intensive».

A livello nazionale, si annuncia un’altra giornata complicata, con un incremento dei nuovi casi – calcolato al momento su sei Regioni – che tocca il 10% rispetto a ieri, quando i contagi in 24 ore sono stati 21.944. Ieri il Veneto ha registrato 1.526 nuovi casi.

Leggi anche: