Ursula von der Leyen alla Bocconi: «Milan l’è un gran Milan: anche gli studenti eroi del quotidiano. All’Italia più fondi Ue, ma servono riforme» – Video

di Cristin Cappelletti

La presidente della Commissione europea ha ricordato che il Paese sarà il maggior beneficiario dal piano di aiuti per l’emergenza Coronavirus, ma per ottenerli deve fare più investimenti e riforme

Resilienza, unità e un sguardo al futuro. Così, in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico dell’università Bocconi, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, si è rivolta a tutta l’Italia, in particolare ai giovani. La presidente ha elogiato la risposta italiana alla pandemia di Coronavirus citando anche il caso di Riccardo, uno studente di un istituto alberghiero di Milano che ha contribuito a preparare pasti per i medici impegnati in prima linea.


Davanti agli studenti, un pensiero è andato agli universitari milanesi, che in questi mesi si sono impegnati per aiutare quelli più giovani a studiare durante il periodo difficile delle lezioni a distanza: «Una dimostrazione di solidarietà che conferma come Milano l’è una gran Milan», ha dichiarato von der Leyen che ha spostato poi il suo discorso sul Recovery Fund di cui «L’Italia – ha ricordato – sarà la maggior beneficiaria».

La presidente della Commissione Ue ha ricordato che «le riforme sono essenziali per il Recovery, per attrarre investimenti». Ma più importante, i fondi del Recovery dovranno aiutare i giovani ad avere finalmente un «lavoro che ripaghi i loro sforzi. Troppe persone – ha detto von der Leyen – stanno lasciando l’Italia perché non riescono a trovare il lavoro che meritano, o perché non hanno acquisito le capacità che il mercato del lavoro richiede».

Leggi anche:

Cristin Cappelletti