Coronavirus, in Veneto 148 decessi in 24 ore. Luca Zaia: «Ma quale terza ondata, si andrà avanti fino all’estate»

di Redazione

Il numero dei nuovi positivi trovati con i tamponi è 4.197. Il totale dei contagiati nella regione è 167.568

Test rapidi. È questa la chiave che Luca Zaia continua a sostenere per leggere meglio i dati dell’epidemia di Coronavirus in Veneto. Secondo l’ultimo bollettino, il numero di tamponi fatti è di 57.691, di questi però il 20% è composto dai test rapidi, test che però non entrano nel computo del bollettino nazionale. Questi test rapidi portano la percentuale dei positivi in Veneto al 7,27% rispetto ai pazienti testati. Il numero dei nuovi positivi trovati con questi tamponi è stato di 4.197 nelle ultime 24 ore. Al momento il totale dei positivi è arrivato a 167.568 in tutta la regione.


Il numero dei decessi invece è salito a 148, ieri erano 29 mentre il giorno prima 113. Il numero di pazienti ricoverati negli ospedali è arrivato a 3.222. Il presidente della regione Luca Zaia ha commentato durante il suo intervento le considerazioni sollevate negli ultimi giorni sulla terza ondata: «Ho sentito parlare di una nuova ondata prevista per marzo. Di cosa stiamo parlando? Il virus andrà avanti fino all’estate, non continuiamo a contare le fasi. Il virus finirà con il vaccino e con l’estate».


Le regole della nuova ordinanza

Con una nuova ordinanza regionale, Zaia ha anche modificato alcune norme già in vigore per limitare il contagio: «Dalle 11 di mattina nei bar non si può più consumare in piedi. Bisogna consumare per forza seduti. La fascia oraria consigliata agli over 65 per fare la spesa ora è dalle 10 alle 12».

Leggi anche: