Coronavirus, in Veneto superati i 200 mila contagiati. Sono 77 i decessi in 24 ore. Zaia: «Così non ne veniamo fuori» – Il video

In un giorno 3.817 nuovi positivi. Il governatore anticipa la stretta da parte del governo: «Probabilmente si saprà qualcosa già stasera»

Il Veneto ha superato la soglia dei 200 mila contagiati dall’inizio della pandemia di Coronavirus. Nel bollettino del 16 dicembre si contano infatti 200.607 positivi totali (compresi guariti e deceduti), con un aumento di 3.817 casi nelle ultime 24 ore, e la percentuale di positività sui tamponi è del 6,98%. I morti da inizio epidemia sono 5.069 (+77) e i ricoverati 3.317, di cui 372 in terapia intensiva e 2.945 in area non critica. Negli ospedali c’è ancora una disponibilità di oltre 4 mila posti letto, ma il sistema è in affanno. Nell’ultima settimana sono stati ricoverati 276 pazienti ordinari e 174 pazienti Covid.



Il governatore Luca Zaia ha annunciato in conferenza stampa «probabili novità» in serata da parte del governo. L’ipotesi di un’ulteriore stretta nel periodo delle feste di Natale si fa quindi più concreta:

Questa mattina abbiamo avuto la riunione con il governo. Io ho detto che abbiamo la necessità di adottare delle misure, come Veneto, e di capire se si farà a livello nazionale o meno. Questo periodo è particolare, ogni azione deve essere supportata dai ristori e qui il governo ci ha rassicurato. Credo che a gennaio avremo una congiuntura astrale non proprio positiva. Il 7 gennaio dovremmo aprire la scuola, fare una campagna vaccinale mastodontica forse già a fine dicembre, perché l’Ema ha anticipato la decisione sui vaccini al 21 dicembre. Avremo il Covid-19 e la sindrome influenzale stagionale. Se arriviamo al 7 gennaio con tutti questi fattori che si incrociano, non ne veniamo fuori.

Video: Facebook / Luca Zaia

Da sapere:

Leggi anche: