Palù: «La variante Covid? Presente anche in Italia ma l’allarme è eccessivo» – Il video

Il virologo, consulente della Regione Veneto e presidente dell’Aifa, ha spiegato che le mutazioni importanti sono due. Ma la comunità scientifica le aveva già osservate in altre parti del mondo

Il virologo Giorgio Palù, consulente della Regione Veneto e presidente dell’Aifa, è intervenuto sulla variante Covid scoperta nel Regno Unito. Il professore, dopo aver precisato che il ceppo è presente anche in Italia in soggetti che «non sono mai stati in Inghilterra», ha voluto rassicurare l’opinione pubblica: «Non è più grave. Questo virus evolve, finora abbiamo oltre 180 diverse mutazioni omoplasiche, ovvero che avvengono negli stessi loci genici in diverse parti del mondo. Questa variante si è diffusa da settembre, c’è in Sudafrica, Olanda, Danimarca e anche in Italia. Mi pare che ci sia stato un allarme eccessivo in questo ambito, non c’è nessun dato biologico dietro il sequenziamento nucleotidico. Le mutazioni importanti sono due, ma le avevamo già viste in altre parti del mondo. Aumenta l’affinità per il recettore e l’infettività del virus».


Video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Leggi anche: