L’ondata di bonus per il 2021 nella Manovra: occhiali, smartphone, superbonus 110%, auto elettrica e smart tv. Come funzionano gli incentivi

Ce n’è per tutti i gusti. Confermato il Superbonus 110% ma anche gli incentivi per ristrutturare casa. Bonus per chi acquista l’auto elettrica, la smart tv, i rubinetti e i soffioni della doccia

Ancora bonus. Dopo quello bici, vacanze e pc, ne arrivano circa 20 con la nuova legge di Bilancio. Sono stati inseriti tutti nella manovra, già approvata alla Camera e ora approdata in Senato. Dal superbonus 110% al bonus occhiali passando per quello auto senza dimenticare il bonus idrico e quello per l’acquisto di una smart tv. Ma andiamo con ordine.


Super bonus 110%

Prolungato a tutto il 2022 il superbonus 110%, un incentivo che fa gola a chi vuole ristrutturare i condomini nel pieno rispetto dell’ambiente. Per ottenerlo, però, bisognerà ultimare entro giugno 2022 almeno il 60 per cento dei lavori. L’incentivo, intanto, viene allargato anche alla coibentazione del tetto, ai pannelli solari e alle colonnine di ricarica delle auto elettriche. Perché il 2021 sarà l’anno delle auto elettriche.

Bonus auto elettrica

È in arrivo, infatti, un bonus per chi acquisterà un’auto elettrica, dal costo massimo di 30 mila euro. I beneficiari dovranno avere un Isee sotto i 30 mila euro, solo così potranno ricevere un contributo pari al 40 per cento della spesa che non sarà cumulabile con altri bonus e che, comunque, sarà disponibile fino all’esaurimento del fondo da 20 milioni di euro. Chi, invece, deciderà di rottamare l’auto, anche euro 6, acquistandone una nuova, che ovviamente inquini meno, potrà beneficiare di un incentivo da 2 mila a 4 mila euro.

Bonus occhiali

Due le grandi novità di questa manovra. Prima di tutto il bonus occhiali, cioè un contributo di 50 euro per l’acquisto di occhiali da vista o lenti a contatto che verrà riservato a 100 mila persone all’anno dal 2021 al 2023. Sarà necessario un Isee sotto i 10 mila euro.

Bonus smart tv e tablet

Ma c’è anche un bonus per smart tv e tablet. Stanziati altri 100 milioni per il bonus fino a 50 euro per cambiare i vecchi televisori. L’Isee non può essere superiore ai 20 mila euro. Stesso discorso per i nuclei familiari con figli a scuola o all’università che potranno avere, per un anno e in comodato gratuito, un tablet o uno smartphone connesso a internet così da facilitare la didattica a distanza. Stanziati, in questo caso, 20 milioni.

Bonus bagno

Previsti bonus idrici sia per ridurre il consumo della plastica in Italia sia per razionalizzare l’uso dell’acqua. Il bonus idrico da 1.000 euro servirà per sostituire, nel 2021, rubinetti e soffioni della doccia (solo per fare un esempio). Nessun limite Isee, stanziati 20 milioni per 20 mila beneficiari. Il bonus filtro, invece, andrà agli esercenti, agli enti del terzo settore e religiosi, che installeranno sistemi per filtrare l’acqua potabile. Si tratta di un credito di imposta al 50 per cento fino a 1.000 euro per gli esercenti e 5.000 per tutti gli altri.

Bonus locatori

Il bonus locatori prevede un contributo a fondo perduto, per chi affitta una casa e abbassa il canone di locazione, fino al 50 per cento dello sconto praticato. Il massimo è di 1.200 euro l’anno. Stanziati 50 milioni.

Bonus mobili

Buone notizie per chi vorrà ristrutturare casa: confermate le detrazioni al 50 e al 65 per cento. Confermato il bonus facciate, il bonus grandi elettrodomestici e il bonus verde. E spunta anche il bonus mobili con detrazione al 50 per cento e un tetto di spesa che sale da 10 mila a 16 mila euro. È stato previsto, inoltre, il bonus per sostituire il gruppo elettrogeno d’emergenza a gas con uno di ultima generazione. Prevista una detrazione al 50 per cento.

Bonus cargo bike

Archiviato il bonus bici e monopattini (che ha avuto un enorme successo, nonostante le iniziali difficoltà tecniche), arriva il bonus cargo bike per le microimprese che si occupano di trasporto merci urbano e che intendano acquistare bici a due o a tre ruote con rimorchio. Si tratta di un credito di imposta al 30 per cento della spesa sostenuta fino a 2 mila euro per le cargo bike, con o senza pedalata assistita. Stanziati 2 milioni di euro per il 2021

Bonus chef e bonus spese legali

Infine c’è anche il bonus chef e il bonus spese legali. Il primo è un credito di imposta fino al 40 per cento sull’acquisto di macchinari, attrezzature e corsi di aggiornamento per cuochi di alberghi e ristoranti ma anche dipendenti o partite Iva. Il tetto di spesa è stato fissato a 6 mila euro, stanziato 1 milione all’anno dal 2021 al 2023. Ciliegina sulla torta il bonus spese legali, cioè un rimborso massimo di 10.500 euro per gli imputati assolti in un processo penale con sentenza irrevocabile. Stanziati 8 milioni a partire dal 2021.

Leggi anche: