A Bruxelles proteste contro le restrizioni anti-Covid: «Vogliamo riconquistare la libertà». A Vienna scende in piazza l’estrema destra

Le proteste erano state vietate dalle autorità. Imponente lo schieramento di forze dell’ordine alla stazione centrale dove sono stati fermati diversi manifestanti appena scesi dai treni

Giornata di tensioni a Bruxelles, dove oggi ci sono due manifestazioni contro le restrizioni per il Covid al suono di: «vogliamo riconquistare la libertà». Proteste non autorizzate che hanno portato all’intervento della polizia che ha già fermato 300 persone. In manette anche diversi ultrà (che partecipano alle manifestazioni perché, nel loro caso, a causa delle misure di contenimento del virus non possono seguire le partite allo stadio).


Imponente lo schieramento di forze dell’ordine alla stazione centrale di Bruxelles dove, stando ai media locali, sono stati identificati e fermati diversi manifestanti appena scesi dai treni. Centinaia gli agenti in assetto anti-sommossa.

L’estrema destra a Vienna contro il coprifuoco

Parallelamente, a Vienna si sono riunite altre 5 mila persone di estrema destra per protestare contro il coprifuoco e il terzo lockdown stabilito dal governo di Sebastian Kurz. I manifestanti – tra i quali c’erano frange neonaziste – hanno raccolto l’appello del partito di estrema destra Fpoe, che ha definito le chiusure «scandalose». Questo nonostante il raduno fosse stato vietato dalla polizia proprio a causa dei rischi legati alla Covid-19 (e a causa dei protocolli ignorati durante le scorse manifestazioni da loro organizzate): migliaia di persone hanno sfidato il divieto e sono scesi in piazza per dirigersi verso il parlamento.

Al rifiuto della folla di disperdersi, le forze dell’ordine hanno eseguito diversi arresti (non è chiaro ancora in quale numero). Al momento, in Austria la situazione dell’epidemia resta preoccupante: nonostante le misure restrittive in atto, oggi sono stati registrati 1.190 nuovi contagi (su 8,9 milioni di abitanti).

Foto in copertina: Sudinfo.be

Leggi anche: