Insulti a Meloni, il rettore dell’Università di Siena: «Indignato da Gozzini. Da lui parole sessiste e ingiuriose»

Nei prossimi giorni l’Ateneo deciderà se sospendere o meno il professore, che dice: «La mia testa è a disposizione, spero non ci siano conseguenze gravi»

«Condanno con decisione le offese sgradevoli mosse all’onorevole Meloni dalle quali prendo assolutamente le distanze». Così il Rettore dell’Università di Siena, Francesco Frati, commenta gli insulti rivolti alla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni dallo storico Giovanni Gozzini, professore di Storia nell’ateneo senese («Meloni? È una scrofa, una rana, una vacca»). Gozzini si è scusato sia in privato sia con un comunicato, dichiarando che «il rettore ha la mia testa a sua disposizione, il buon nome dell’Università prima di tutto». Certo, Gozzini al contempo spera che «non ci siano conseguenze gravi» e sanzioni da parte dell’Ateneo, ma da più parti si levano gli appelli perché venga sospeso dall’insegnamento. 


«Il primo sentimento è stato quello dell’indignazione per le parole usate da un membro della nostra comunità che in un certo senso la rappresenta, anche se la cosa non è avvenuta in classe – spiega Frati -. Frasi che hanno un contenuto sessista oltre che ingiurioso, pronunciate nei confronti prima di tutto di un componente del Parlamento e in secondo luogo di una donna». Il rettore ha poi dichiarato che «Gozzini si è scusato prima con me e successivamente con un comunicato. È un professore di un certo livello e mai mi sarei aspettato un comportamento simile da lui e la cosa mi ha sorpreso parecchio» e di aver convocato per lunedì’ 22 febbraio «l’ufficio legale, per permettere successivamente di far valutare ai membri del collegio di disciplina dell’Ateneo tutti i provvedimenti da adottare e che la normativa prevede».

Parallelamente anche il Dipartimento di Scienze sociali, politiche e cognitive dell’Università di Siena, cui fa riferimento lo stesso Gozzini, ha stigmatizzato gli insulti rivolti a Meloni. «Riteniamo che quelle espressioni, per le quali il docente ha chiesto giustamente scusa, siano gravi e inaccettabili per il ruolo che rivestiamo come professori universitari e trasmettano una immagine fuorviante del nostro lavoro – si legge in un comunicato -. Il valore che tutti i docenti del nostro dipartimento insegnano nei nostri corsi è da sempre il rispetto reciproco e parole di questo genere non sono tollerate e non fanno parte del nostro vocabolario».

Le condanne bipartisan della politica

Nelle ultime ore sono arrivate condanne bipartisan dal mondo della politica, delle istituzioni e della società civile. Dopo la chiamata del Capo dello Stato Sergio Mattarella anche il presidente del Consiglio Mario Draghi ha telefonato alla leader di FdI per esprimerle solidarietà. Messaggi solidali arrivati da ogni parte del mondo politico, da destra e sinistra, così come dalla segretaria della Cisl Annamaria Furlan e dall’Anpi. Meloni ha commentato: «Il segnale di Mattarella è stato chiaro, al seguito del quale c’è stata la condanna di tutte le forze politiche, mi ha chiamato Draghi. Ringrazio i colleghi di centro, di sinistra, di destra, una trasversalità straordinaria. Anche l’università di Siena mi ha chiamato».

Anche il compagno di Meloni, Andrea Giambruno, giornalista di Tgcom24, ha voluto dire la sua sulla vicenda. «Non mi permetto di commentare le parole del professore perché ci saranno altri luoghi dove verranno commentate e sentenziate in determinati termini. Mi permetto semplicemente di dire che ci sono dei minori che leggono certe schifezze e che io spiegherò a mia figlia quanto sua madre sia valorosa e meritevole di ciò che ha fatto nella sua vita». «Io mi auguro professore – ha concluso Giambruno -, ammesso che lei abbia dei figli, che i suoi di figli possano dire altrettanto dei suoi commenti misogini, indegni e vergognosi». 

Leggi anche: