Vaccini, anche l’Oms mette in chiaro: «Nessuna relazione tra trombosi e AstraZeneca»

L’Organizzazione mondiale della sanità: «Il farmaco in questione ha enorme potenziale nel prevenire le infezioni e ridurre i decessi»

L’Oms ha pubblicato una nota ufficiale per chiarire la sua posizione sul caso AstraZeneca. Il comitato dell’Organizzazione mondiale della sanità per la sicurezza dei vaccini (Gacvs) ha spiegato che non esiste correlazione tra questo vaccino contro il Coronavirus e i casi di trombosi: «I dati disponibili non suggeriscono alcun aumento complessivo di eventi di coagulazione come la trombosi venosa profonda o l’embolia polmonare in seguito alla somministrazione di vaccini Covid-19. I tassi riportati di eventi tromboembolici dopo i vaccini Covid-19 sono in linea con il numero previsto di diagnosi».


L’Oms prosegue spiegando che «sebbene eventi tromboembolici molto rari siano stati segnalati anche a seguito della vaccinazione con AstraZeneca in Europa, non è certo che siano stati causati dalla vaccinazione». La raccomandazione è quella di continuare a tenere monitorata la situazione: «L’Oms raccomanda che i Paesi continuino a monitorare la sicurezza di tutti i vaccini Covid-19 e promuovano la segnalazione di eventi avversi sospetti». L’ultima parte della nota è sulle potenzialità del vaccino di AstraZeneca: «Il vaccino AstraZeneca continua ad avere un profilo positivo di rischi-benefici, con un enorme potenziale per prevenire le infezioni e ridurre i decessi in tutto il mondo».

La decisione dell’Ema e lo stop in Finlandia

La nota dell’Oms arriva all’indomani della decisione dell’Agenzia europea per il farmaco (Ema), che ha dato il via libera alla ripresa delle somministrazioni con AstraZeneca dopo la sospensione in alcuni Stati membri dell’Ue. Nonostante le conclusioni dell’Ema, non tutti i Paesi hanno riavviato le somministrazioni (come Norvegia e Svezia), mentre la Finlandia, che fino ad ora era l’unico tra gli Stati nordici a non avere fermato l’utilizzo del vaccino, ha deciso oggi di interrompere le inoculazioni.

Leggi anche: