Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il Pd compatto contro Salvini. Provenzano: «Non vuole le riforme? I fondi Ue non faranno la fine dei 49 milioni»

Dopo il botta e risposta tra il segretario dem Enrico Letta e il leader leghista, anche Gualtieri alza la voce: «Forse non ha capito che così perderemo i soldi»

Il Partito democratico fa squadra contro la Lega di Matteo Salvini. Dopo le accuse lanciate al Pd sui social e nelle interviste dal segretario del Carroccio, a prendere parola sono anche Giuseppe Provenzano e Roberto Gualtieri, entrambi ministri nel Conte II. «Ma che problemi ha Matteo Salvini con i fondi Ue?», twitta l’ex ministro per il Sud riferendosi ai soldi in arrivo contro la crisi da Coronavirus. «Prima a Bruxelles era contro Next Generation Eu, ora in Italia sabota le riforme per ottenerli. Sì, non può fargli fare la fine dei 49 milioni della Lega, ma se non li vuole è semplice: si dimettano i ministri leghisti chiamati a gestirli».


«Forse non ha capito che così perderemo i soldi», aggiunge Gualtieri, che ora è impegnato nella corsa per la Capitale. A insistere sull’argomento del “rischio Salvini” in merito ai fondi del NextGenEu è anche Simona Malpezzi, capogruppo dem al Senato. «Salvini getta cattiva luce sul lavoro che l’Italia sta facendo», ha detto in un’intervista a la Repubblica, riferendosi alla continua opposizione del leader leghista alle proposte dell’ala di centrosinistra del governo, soprattutto sulla giustizia. «Offre pretesti per far dire a quei Paesi sovranisti di cui è amico che l’Italia non è all’altezza. Senza quelle riforme il nostro Paese non riparte. Salvini lo sa?».


Parallelamente, in un’intervista alla stampa, il segretario leghista ha detto: «Letta, evidentemente è ossessionato da me. Continua a parlare di me ogni santo giorno. Il vero ostacolo alle riforme – ha insistito – soprattutto le due più urgenti, non siamo noi. Se la ministra della Giustizia Marta Cartabia venisse a portare in Parlamento una buona riforma della giustizia, i problemi non verrebbero dalla Lega, ma dal Pd e dal M5s. Vorrei che fosse chiaro che la Lega non ha alcuna intenzione di creare dei problemi a questo governo».

Immagine di copertina: ANSA / Francesco Militello

Continua a leggere su Open

Leggi anche: