Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Si riaccendono le speranze sulle discoteche. Giorgetti: «Usiamo il Green Pass per gli ingressi»

Il titolare del Mise: «È l’unica via di fuga rispetto a una situazione indefinita»

Il destino estivo delle discoteche e dei locali notturni italiani, dopo il Cdm di ieri, resta in sospeso. Al momento resteranno chiuse, fino a data da destinarsi, dopo esser rimaste escluse dal calendario delle riaperture del nuovo decreto Covid. Ma il ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti a margine della presentazione del Rapporto sulla Ristorazione 2020 di Fipe Confcommercio, ha rivelato che l’esecutivo starebbe pensando di poterle riaprire facendo uso del Green pass per gli ingressi. La via maestra che intende seguire il governo Draghi è infatti quella di dare, a detta del titolare del Mise, «una prospettiva di certezza, che è definita nelle date che conoscete, che è penalizzante per alcun i settori: il caso più eclatante è quello delle discoteche». «Se ne è discusso – ha spiegato ancora Giorgetti – perché per lo specifico settore forse è l’unica via di fuga rispetto a una situazione indefinita». 


Gli esperimenti per le riaperture delle discoteche a Gallipoli e Milano

Intanto in Italia, sulla scia degli esperimenti all’estero, si moltiplicano gli eventi per la riapertura in sicurezza dei club italiani. Al momento uno dei principali test si svolgerà al Praja di Gallipoli il 5 giugno, dove 2.000 persone potranno accedere all’evento all’aperto esclusivamente muniti di Green pass e all’uscita dovranno sottoporsi a tampone. Un evento simile, ma al chiuso, si svolgerà invece al Fabrique di Milano, con 2.500 persone che dovranno risultare negative al tampone da svolgersi massimo nelle 36 ore prima all’evento, o dimostrare di esser state vaccinate. All’interno del locale, però, resterà l’obbligo di indossare la mascherina. E dopo una settimana dall’evento tutti i partecipanti dovranno sottoporsi a un nuovo test per valutare se vi sono stati casi di contagio da Coronavirus o meno. 


Foto in copertina: ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Continua a leggere su Open

Leggi anche: