In Friuli sospesi dal servizio 177 sanitari non vaccinati: potranno tornare al lavoro solo dopo le due dosi

L’ASFO ha pubblicato l’atto di accertamento dell’obbligo e ha proceduto alla sospensione dell’attività fino al 31 dicembre o all’avvenuta immunizzazione. Stessa sorte per 27 OOSS liguri

177 operatori sanitari residenti nella provincia di Pordenone sono stati sospesi dal servizio perché non si sono vaccinati contro Covid-19. Tra questi 46 sono infermieri. L’Azienda sanitaria Friuli occidentale (Asfo) ha pubblicato l’atto di accertamento dell’obbligo vaccinale redatto dal Dipartimento di prevenzione. E ha proceduto alla sospensione dall’attività fino all’avvenuta vaccinazione o fino al 31 dicembre, data di scadenza del decreto che istituisce l’obbligo per gli OOSS. La stessa sorte è toccata a 27 tra medici e infermieri che lavorano negli ospedali della Liguria.


A Pordenone sospesi dal lavoro 177 medici e infermieri non vaccinati

«Questa azienda – si legge nel documento ufficiale dell’Asfo – ha provveduto ad invitare formalmente 177, tra esercenti le professioni sanitarie e operatori di interesse sanitario, a sottoporsi nel mese di giugno alla somministrazione del vaccino anti Sars-Cov-2, indicando termini e modalità, ma i medesimi non si sono presentati agli appuntamenti programmati» . Dell’accertamento dell’inosservanza dell’obbligo vaccinale «sarà data immediata informazione all’interessato, al datore di lavoro (ove noto) e all’ordine professionale di appartenenza (ove presente), comunicando contestualmente la sospensione dal diritto di svolgere prestazioni o mansioni che implicano contatti interpersonali o comportano, in qualsiasi altra forma, il rischio di diffusione del contagio da Sars-Cov-2».


In Liguria invece sono 24 i medici e tre gli infermieri che finiranno nelle maglie del Dl-44. Si tratta, racconta oggi Repubblica Genova, di 12 medici-odontoiatri e 3 infermieri dell’Asl 3 a cui si aggiungono 12 medici delle altre Asl liguri. «Stiamo attendendo la comunicazione ufficiale dell’Asl – dice al quotidiano Alessandro Bonsignore, presidente dell’Ordine dei Medici, facendo presente che sono 12 medici su 9000 della Citta Metropolitana di Genova –, ma è evidente, insomma è un dato di fatto, che i numeri al momento sono questi perché il tempo è scaduto e speriamo ovviamente che non salgano. Non so che ruolo andranno a coprire, la situazione è piuttosto complicata perché in pratica tutti i reparti hanno contatti con il pubblico, quindi si apre la strada di una sistemazione in qualche laboratorio». In attesa della sospensione soltanto in Liguria ce ne sono altri 854.

Leggi anche: