Il durissimo scontro Giachetti-Fornaro alla Camera conferma le tensioni tra Leu-Pd e Italia viva – I video

Giachetti a Fornaro: «Ha invitato Travaglio per insultare Draghi, con che coraggio parla di lealtà?». A Montecitorio si rischia la rissa

Dopo il doppio voto di fiducia protrattosi fino a notte fonda sulla Riforma della Giustizia della ministra Marta Cartabia, durante le dichiarazioni di voto prima del voto finale per il passaggio del testo al Senato, l’Aula di Montecitorio è divenuta teatro di un feroce scontro tra LeU e Italia viva. La miccia è stata innescata da un ordine del giorno presentato da Fratelli d’Italia sulla responsabilità diretta dei magistrati e sul quale il governo aveva dato parere contrario. A seguire Lega, Forza Italia e Coraggio Italia hanno annunciato l’astensione dal voto, essendo tra i promotori del referendum tra i cui punti c’è questo tema, mandando così in escandescenza il Partito Democratico e Liberi e Uguali.


L’appello di Fornaro (LeU) alla «responsabilità» e alla «lealtà» al governo

Fornaro di LeU richiama tutte le forze che appoggiano l’esecutivo alla «responsabilità» e alla «lealtà» verso l’esecutivo guidato da Mario Draghi, tirando in ballo il sottosegretario Francesco Paolo Sisto di Forza Italia: «L’opposizione fa il suo mestiere cercando di dividere la maggioranza sulle sensibilità diverse, ma proprio per questo il comportamento della maggioranza deve essere improntato alla lealtà, non vi state astenendo sull’odg ma state votando in dissenso rispetto all’espressione di voto del governo e che lo faccia il gruppo a cui appartiene il sottosegretario Sisto (di Forza italia) la trovo una cosa davvero unica mai accaduta, c’è anche un problema di coerenza e lealtà. È un pessimo inizio di semestre bianco».


Giachetti sbotta: «Ha invitato Travaglio per insultare Draghi, con che coraggio parla di lealtà?»

Ma a rispondere al deputato di LeU è intervenuto Roberto Giachetti di Italia Viva, anche lui tra i firmatari del referedum sulla Giustizia. Giachetti ha dunque ripreso Fornaro: «Non vi ho visto rispettare questa lealtà quando in commissione insieme a M5s avete mandato sotto il governo sul decreto Semplificazioni e anche lei Fornaro parla di lealtà quando dal suo partito è stato insultato il premier Draghi», facendo riferimento alla festa di Articolo 1 Mdp, quando Marco Travaglio ha attaccato il premier Draghi, tra risate e applausi dei presenti di fronte a esponenti del partito che sostengono il governo. In quel caso solo il ministro Speranza si dissociò dalle parole del giornalista.

E a tentare di placare i due deputati, prossimi alla rissa, è dovuto intervenire il presidente della Camera Roberto Fico che ha chiesto a Fornaro di tornare al proprio posto, mentre Giachetti urlava e s’infervorava dal suo scranno. Ma non è mancato un ultimo “tocco di colore verbale”, prima della quiete. Il deputato Raffaele Trano del Gruppo Misto ha preso la parola e, rivolgendosi al presidente Fico, ha urlato: «Ho sentito che qualcuno ha dato dello str…o a Giachetti!». Ma il presidente della Camera ha subito ribattuto «Trano, non le ho dato la parola, ora è il momento di Occhiuto».

Foto in copertina: Fotogramma
Video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Leggi anche: